You are here

Arriva il sistema che converte l’aria in acqua_alt tag

Arriva il sistema che converte l’aria in acqua

L’innovazione, sviluppata con L’Università di Pavia, può portare l’acqua potabile dove non c’è. È già in uso in molte nazioni e sta dando ottimi risultati

MILANO – Si chiama Seas l’azienda svizzera che vuole risolvere una delle questioni più sentite oggi: portare l’acqua in quelle zone del mondo in cui manca a causa della povertà o del clima particolarmente ostile. Attualmente 880 milioni di persone in tutto il mondo non possono accedere all’acqua potabile. Ogni anno, 3,4 milioni persone perdono la vita per questa mancanza, causa di malattie spesso facili al contagio.  Per combattere questi numeri, Seas ha dato vita a Awa Modula (air to water to air) un sistema innovativo in grado di produrre acqua dall’aria senza che nei luoghi in questione esistano sorgenti, fiumi, laghi o altre fonti. Tutto senza generare inquinamento o stravolgendo l’ecosistema già presente.

L’acqua generata da Awa Modula

Ogni sistema può arrivare a produrre fino a 10mila litri al giorno, rappresentando una fonte di approvvigionamento, potenzialmente illimitata e inesauribile, di assoluta affidabilità. Come si alimenta Awa Modula? In linea con i suoi obiettivi può servirsi delle energie più green attualmente in commercio. Ovvero sfruttare l’elettricità prodotta dal vento o dal sole.

Il sistema filtra l’aria ambientale condensando il vapore in acqua distillata. Quest’ultima, dopo ulteriore filtraggio, viene sottoposta a uno speciale trattamento a raggi ultravioletti per ripulirla dai batteri e da altre sostanze nocive. Una volta terminata questa operazione, l’acqua viene ri-mineralizzata.

Dov’è già attiva Awa Modula

L’intero progetto, pur avendo una paternità svizzera, è stato sviluppato in collaborazione con l’Università di Pavia. Attualmente il sistema è attivo in nazioni come il Libano, gli Emirati Arabi, il Sudafrica, il Messico e il Perù. Ma anche diverse isole caraibiche stanno iniziando a testarne l’efficacia. Nel 2015, infine, Awa Modula è stata donata a UnaKids, un’associazione benefica che lotta per migliorare la vita dei bambini e degli adolescenti in tutte quelle regioni della Terra devastate dalla guerra. 

di Salvatore Galeone