You are here

Idratazione e prevenzione delle malattie

Idratazione e prevenzione delle malattie

Insufficienza renale, infezioni della vescica, convulsioni: ecco le tante malattie che potrebbero essere evitate con una adeguata idratazione

MILANO – L’uomo per sopravvivere ha bisogno di idratarsi.

L’acqua rappresenta circa il 60% del peso corporeo, secondo il dottor David Dupree, per cui è necessario mantenere una buona idratazione del proprio corpo, questo è quanto si apprende da Cbs News.

I benefici di una buona idratazione

Ogni organo, cellula e tessuto del nostro corpo dipendono dall'acqua per funzionare correttamente. L'acqua contribuisce a mantenere una buona temperatura corporea e ad espellere batteri attraverso la minzione. Inoltre porta sostanze nutritive alle cellule e lubrifica le articolazioni.

Il corpo umano ogni giorno perde molta acqua attraverso la respirazione, la sudorazione, la minzione e i movimenti intestinali, per cui necessita di reintegrarla per ristabilire l’equilibrio.

Di solito lo standard consigliato sono 8 bicchieri di acqua al giorno, ma secondo il dottor Dupree può variare in base ad alcuni fattori tra cui: il sesso, il livello di attività, l'età, il peso e la quantità di tempo trascorso all'aperto e al caldo.

Le Accademie Nazionali delle Scienze, dell'Ingegneria e della Medicina hanno determinato che un'adeguata assunzione giornaliera di acqua per la maggior parte degli uomini è di 3,7 litri, mentre le donne necessitano di circa 2,7 litri di acqua al giorno.

Queste quantità includono l’assunzione diretta di acqua, ma anche di liquidi dati dagli alimenti, come ad esempio: anguria, spinaci e cetrioli, che contribuiscono ad avere una buona idratazione del proprio corpo.

I rischi di un’inadeguata idratazione

Non avere un buon livello di idratazione può portare a gravi problemi di salute fra cui: insufficienza renale, infezioni della vescica e convulsioni, questo è quanto sostengono gli esperti di Mayo Clinic.

Mentre secondo Dupree in caso di disidratazione più lieve si può incorrere in vertigini, mal di testa, stanchezza e debolezza muscolare.

Inoltre è importante rimodulare il livello d’acqua da assumere in base ad alcuni fattori, primo fra tutti l’età, infatti gli anziani hanno bisogno di bere perché i loro corpi trattengono meno riserve d’acqua.

Secondo i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, poi, il corpo ha bisogno di assumere quantitativi maggiori d’acqua se si pratica sport, in caso di febbre, vomito e alte temperature climatiche.

di Valentina Izzo

23 ottobre 2017

credits: Fotolia