You are here

Nasce in Egitto un nuovo sistema per estrarre l’acqua dall’aria

Nasce in Egitto un sistema per estrarre l’acqua dall’aria

Utilizzando l’energia solare, i ricercatori della Helwan University hanno reso possibile l’estrazione di liquidi dall’aria umida

MILANO – Arriva dall’Egitto l’ultima idea per contrastare  il grave problema della mancanza d’acqua nel mondo. Uno studio condotto dai ricercatori della Helwan University (Il Cairo, Egitto) che hanno sviluppato un sistema per estrarre l’acqua dall’aria umida. Il problema dell’acqua colpisce in particolare le zone dei paesi meno sviluppati e sono dovuti sia da cause naturali come la siccità, sia dalle attività umane come l’inquinamento e la cattiva gestione delle risorse idriche.

Il sistema

Il sistema utilizza cloruro di calcio (un essiccante) per catturare i vapori d’acqua. Poi i liquidi vengono rilasciati utilizzando l'energia solare e raccolti in un serbatoio, il tutto praticamente a costo zero. Questo sistema innovativo può essere utilizzato per ottenere l’acqua anche nelle aree più remote del nostro pianeta. Un sistema studiato a favore delle attività come l’agricoltura o l’allevamento, bisognose di avere a disposizione ogni giorno grandi quantità d’acqua. La grande piaga della mancanza d’acqua  colpisce non solo la popolazione in modo diretto, ma anche l’economia ed il benessere della società. Per estrarre l’acqua dall'aria,  si deve  raffreddarla ad una temperatura sufficientemente bassa (punto di rugiada) e poi raccogliere il liquido formato. In alternativa, è possibile raccogliere l'acqua con opportuni materiali essiccanti che assorbono i vapori d’acqua sulle loro superfici. Questi materiali vengono successivamente  riscaldati per raccogliere i liquidi. Il principale svantaggio di entrambi i metodi, non utilizzando fonti rinnovabili, è che hanno bisogno di elevate quantità d’energia, sia come raffreddamento  dell’aria, sia come riscaldamento del  materiale essiccante.

Affrontare il problema

Per cercare di risolvere questo problema, gli scienziati e gli  ingegneri hanno sviluppato delle tecniche per rendere le disponibilità d’acqua maggiori. Il trattamento e la depurazione  delle acque inquinate, ad esempio, permettono di render utilizzabili i liquidi per l'agricoltura. La desalinizzazione delle acque marine è un altro metodo che può fornire acqua dolce per irrigare i campi, ma anche questo processo  è piuttosto costoso in quanto richiede molta energia.

di Redazione