You are here

Paestum: Poseidonia in Mostra tra Archeologia e Clima– In a Bottle

Poseidonia, la città dell’acqua raccontata tra arte e riscaldamento globale

La mostra “Poseidonia città d’acqua: archeologia e cambiamenti climatici” ripercorre il rapporto tra la città e l’acqua attraverso i secoli

MILANO – Paestum - o Poseidonia,  come la chiamavano gli antichi Greci - è tra i 42 siti UNESCO sul Mediterraneo che potrebbero venire sommersi a causa dell’innalzamento del livello del mare. Questo fenomeno, causato dal riscaldamento globale, è raccontato all’interno diPoseidonia, città d’acqua”, mostra che resterà aperta dal 4 ottobre al 31 Gennaio a Paestum, un viaggio tra storia, archeologia e sensibilizzazione.

La mostra sulla città di Poseidone dal 4 Ottobre 2019 al 31 Gennaio 2020

L’acqua, se salvaguardata, è una fonte di opportunità e di ricchezza. Caratteristiche che la accomunano a Poseidone, dio “esuberante” e portatore di grandi benefici, ma che può essere anche molto vendicativo verso chi non lo rispetta. Lo stesso concetto vale per l’elemento da lui dominato: il mare. E come non ricordarlo proprio oggi, sullo sfondo del riscaldamento globale. “Dopo le previsioni preoccupanti pubblicate da parte di scienziati di tutto il mondo, ‘Poseidonia città d’acqua: archeologia e cambiamenti climatici’ è la prima mostra che integra il discorso sui cambiamenti climatici con una prospettiva storica e archeologica -  spiega il direttore di Paestum, Gabriel Zuchtriegel - L’obiettivo è quello di attirare l’attenzione su una storia caratterizzata dall’espansione imperialistica, dall’asservimento coloniale, da sostanziali e insostenibili cambiamenti ambientali. E, soprattutto, dalla capacità delle società umane di comprendere cambiamenti imprevisti, adattarsi e ricostruirsi”.

Il Rapporto tra territorio e uomo nel periodo del cambiamento climatico

In un periodo storico in cui i cambiamenti climatici in atto rischiano di sconvolgere il mondo, la mostra racconta in chiave storica il rapporto tra gli uomini e l’acqua. Il percorso di mostra sarà articolato in tre macro-aree: l’archeologia, che narra del rapporto tra gli uomini e l’oro blu nel corso degli ultimi millenni; la scienza, che ci aiuta a comprendere quali possano essere gli sviluppi futuri; l’arte contemporanea, che ci interroga sul significato del rapporto tra patrimonio storico e l’ambiente in cui stiamo vivendo.

di Stefania Ghezzi

Source: Adobe Stock

25 Settembre 2019