You are here

Bere tanta acqua: i suggerimenti dei dietisti australiani

Bere tanta acqua: i suggerimenti dei dietisti australiani

L’associazione Dietisti australiani è intervenuta fornendo preziosi suggerimenti sull’idratazione, spiegando perché è importante bere tanta acqua

MILANO Per custodire il proprio benessere non è necessario soltanto un corretto e adeguato regime alimentare, ma anche una buona idratazione del proprio corpo.

In una recente intervista rilasciata al The New Daily attraverso alcuni suoi esperti, l’Associazione dei Dietisti australiani ha fornito alcuni preziosi suggerimenti per mantenere il proprio organismo sempre adeguatamente idratato.

I benefici per la salute

L’acqua costituisce la maggior parte del peso corporeo e supporta ogni aspetto della nostra salute: migliora la funzione cerebrale, protegge i muscoli e le articolazioni, favorendo l’ammorbidimento delle fibre per le funzionalità intestinali e l’assorbimento delle sostanze nutritive.

Un’altra funzione dell’acqua è quella di mantenere il corpo fresco, soprattutto quando ne perde tanta per effetto della sudorazione o della malattia.

Di quanta acqua hai bisogno ogni giorno

«Sei bicchieri equivalgono a 1,5 litri di acqua e questa è la quantità minima da bere ha affermato la dr.ssa McGuckin – La persona dovrebbe in genere bere 1,5-2 litri al giorno. Tuttavia la quantità può variare in virtù di altri fattori come età, sesso, peso corporeo, livello di attività e condizioni meteorologiche».

Esistono però anche le eccezioni per alcune categorie di persone. In particolare, «le donne in gravidanza, le madri che allattano o chi soffre di patologie renali dovrebbero aumentare l’assunzione giornaliera di acqua», ha rilevato il Dr. Abhi Verma, portavoce del Royal Australian College of General Practitioners (RACGP).

Come sai se stai bevendo abbastanza acqua?

«I segni più evidenti della disidratazione sono bocca secca, pelle secca, urina scura – ha sottolineato ancora il Dr. Verma – ma anche una diminuzione del turgore cutaneo e dunque dell’elasticità della pelle».

di Alessandro Conte

28 settembre 2018

credits: fotolia