You are here

Ritrovare se stessi in acqua: cos’è la danza sensibile

Ritrovare se stessi in acqua: cos’è la danza sensibile

A metà tra esercizio fisico e ricerca della spiritualità, la Danza Sensibile è la pratica molto in voga tra chi ha bisogno di ritrovare benessere

MILANO – Una ricerca originale in grado di far apprezzare il proprio corpo rallentando i movimenti e immergendosi nella bellezza della natura. Il progetto che propone Claude Coldy, il padre della Danza Sensibile, è quello di entrare nell’esperienza del movimento consapevole come riflesso del movimento della vita.

L’acqua

L’elemento primordiale aiuta a ripercorrere i primi passi dell’uomo e i primi momenti della creazione della natura. Danzare in acqua è come ritornare agli albori della vita, quando da neonati si vive nella placenta dentro il ventre materno.

In questo modo il movimento in acqua dà la sensazione di riuscire a capire tutte le sfaccettature del proprio essere, da quella più pesante a quella più sottile e leggera. L’acqua diventa l’elemento attraverso il quale conoscersi e piacersi.

La filosofia del movimento

Non si tratta solo di pratiche fisiche ma di comprensione intellettiva dei movimenti che aiutano a comprendere il proprio corpo e gli elementi vitali della natura.

Ecco alcuni elementi proposti durante le pratiche:

  • Un tema centrale, la verticalizzazione: aprire, orientare, portare il mio corpo nel mondo attraverso le grandi tappe della filogenesi
  • Leggi e cicli degli elementi
  • La presenza
  • Il senso e il non senso del movimento
  • L’espressione di sé e la creatività
  • Nascita di una danza

Il ritorno alla natura

In un mondo in cui tutto ogni giorno corre a ritmi vertiginosi, nella filosofia dell’esperto la Danza Sensibile aiuta a recuperare il contatto con la natura e mettersi in relazione con i suoi elementi vitali: acqua, aria, sole, terra.

Solo in questa condizione si riesce a trovare il benessere che aiuta a staccarsi dalla realtà quotidiana e ritrovare se stessi.

di Salvatore Galeone

29 marzo 2018

credits: fotolia