You are here

Ulla, il dispositivo che ti ricorda di bere

Una start up slovena ha creato Ulla, il sensore intelligente che aiuta a rimanere perfettamente idratati. Costa meno di 25 dollari, ecco come funziona

MILANO – Bere è necessario al nostro benessere (sia fisico che psicologico) ma, nonostante ciò, la maggior parte delle persone non beve a sufficienza. Perché? Per quanto possa suonare assurda, la risposta è semplice: perché se ne dimentica.

Ed  è qui che entra in gioco il sensore intelligente ideato da una start up solvena: Ulla, il dispositivo che ti ricorda di bere.

Dal problema alla soluzione

Ma da dove nasce l’idea? Secondo quanto riportato dal portale Business Inside UK, l’idea di creare un dispositivo che ricordi alle persone di bere è nata negli uffici della start up slovena che ha dato vita al progetto.

Accorgendosi di bere tanto caffè ma poca acqua, il team della start up ha deciso di condurre uno studio da cui è emerso che oltre il 60% della popolazione non beve abbastanza.

“Non lo fanno per un motivo semplice perché, presi dai mille impegni, lo dimenticano” ha dichiarato Cica Gajac, fondatrice di Ulla. Così, con l’aiuto della facoltà di Ingegneria Elettrica dell’Università di Lubiana e di alcuni specialisti, la start up ha creato i primi prototipi di Ulla. L’idea alla base del progetto? Creare un dispositivo semplice, in grado di aiutare gli utenti a bere di più.

Una luce per restare idratati

Completamente automatizzato (non va ricaricato  e non dev’essere collegato a nessuna app), questo piccolo dispositivo è stato progettato per ricordare alle persone quando bere.

Come? Grazie ad un segnale Led che si accende ogni qualvolta il sensore che traccia inclinazione e movimento resta inattivo per più di mezz’ora. Dotato di un anello in silicone, Ulla è creato per adattarsi perfettamente ad ogni tipo di bottiglia e/o bicchiere.

Essendo completamente automatizzato, il dispositivo si accende e si spegne da solo. Se il sensore non traccia movimenti per più di un’ora, infatti, si spegne automaticamente, permettendo alla batteria di durare fino a sei mesi. Proprio per questo motivo, di notte il dispositivo risulta inattivo (ma se soffrite d’insonnia, non temete, basterà agitare la bottiglia per farlo riaccendere).

Secondo quanto affermato dalla fondatrice, i primi test dell’azienda hanno dimostrato che chi utilizza Ulla beve circa il doppio dell’acqua che era abituato ad assumere prima.

Forse è proprio per questo motivo che, in meno di sei mesi, sono stati oltre 100 mila i dispositivi venduti dalla società. Disponibile in sei colori, il dispositivo costa 24, 99 dollari ed è acquistabile on line sul sito ufficiale. 

di Salvatore Galeone

16 ottobre 2018

source: ulla.io