You are here

Nel 2050 l'Asia sarà a rischio scarsità d'acqua

Uno studio del MiT pubblicato su Plos One riporta che nel 20150 crescita demografica e cambiamento climatico metteranno a rischio scarsità d'acqua l'Asia.

MILANO – La sostenibilità delle risorse idriche è di fondamentale importanza, ma viene influenzata quotidianamente da molti fattori, tra i quali la popolazione, la ricchezza ed il clima.

E proprio l’acqua sembra essere uno dei grandi problemi futuri dell'Asia, continente che ospita quasi la metà della popolazione mondiale.

Lo studio del MIT sullo stress idrico

È quanto emerge da uno studio del Mit (Massachusetts Institute of Technology), pubblicato su Plos One, secondo il quale la crescita economica e demografica, unita al cambiamento climatico, metterà gran parte dell'Asia a rischio di scarsità d'acqua.

Già nel 2050 un miliardo di persone in più sarà esposto a “stress idrico” rispetto ad oggi. I gravi effetti sulla disponibilità d'acqua che i cambiamenti climatici produrranno in diverse parti del mondo, secondo gli scienziati saranno gravemente amplificati laddove l'espansione industriale e la crescita demografica saranno più forti.

Il pensiero del ricercatore Adam Schlosser

“Non possiamo ignorare che la crescita economica e demografica possono avere un'influenza molto forte sul nostro fabbisogno di risorse e sul modo con cui le gestiamo - spiega il ricercatore senior Adam Schlosser.

Lo studio infatti è stato condotto analizzando modelli sviluppati dal Mit con proiezioni sulla crescita della popolazione, dell'economia, sul clima e sulle emissioni di CO2 generate dall'attività umana.

Questo modello globale è stato rapportato ad altri scenari all'utilizzo dell'acqua in aree dell'Asia comprendenti Cina, India e altri Paesi più piccoli.

Per la Cina, spiegano gli scienziati, la crescita industriale sembra avere l'impatto maggiore, mentre in India la variabile che incide maggiormente è la crescita demografica.

In questo studio vengono analizzati diversi scenari coerenti tra loro, per sviluppare dei dati sul rischio dello stress idrico su una vasta porzione dell’Asia.

di Salvatore Galeone

1 febbraio 2018

credits: fotolia