“Cool Generation”, il nuovo modello di business per refrigerare i data center - In a Bottle

“Cool Generation”, il nuovo modello di business per refrigerare i data center

Sfruttando le proprietà fisiche di acqua vaporizzata ed aria, l’azienda italiana Refrion mette al centro innovazione e rispetto per l’ambiente

MILANO – Refrion, azienda italiana di Talmassons, piccolo comune della provincia di Udine, ha recentemente portato sul mercato un nuovo modello di business. Si chiama “Cool Generation” ed è un nuovo metodo che coniuga sostenibilità ed innovazione. Il sistema viene applicato nel campo della refrigerazione industriale e dei data center. L’azienda, attiva dal 2002, ha un fatturato vicino ai 30 milioni di Euro.

Adottato il sistema adiabatico

L’azienda del Friuli Venezia Giulia, sin dalla sua nascita, ha adottato il sistema adiabatico. Questa soluzione sfrutta le proprietà fisiche di acqua vaporizzata ed aria per restituire una tecnologia efficiente e rispettosa dell’ambiente. Essa, inoltre, permette un risparmio di acqua sino al 95% e una riduzione netta di energia ed emissioni di CO2. Un’altra innovazione, infine, è l’utilizzo di tubi ovali negli scambiatori di calore, soluzione che massimizza ancora di più l’efficienza di questi sistemi.

Sposata la scelta di essere “cool”

“Un’azienda deve puntare sulla curiosità, sull’ottimismo e sulla proattività – dichiara Daniele Stolfo, amministratore delegato di Refrion – Deve inoltre puntare al cambiamento, con coraggio, ed essere a prova di futuro. Noi abbiamo scelto di essere avanti, come si dice in inglese, ‘cool’. Refrion, lavorando nel massimo rispetto delle risorse ambientali, è la ‘Cool Generation’”.

A proposito di ambiente, l’azienda è impegnata da anni in numerose politiche di sostenibilità. “Siamo stati tra i primi – conclude Daniele Stolfo – ad installare la colonnina per la ricarica delle auto elettriche. La scorsa estate, invece, abbiamo sostituito l’illuminazione con degli impianti a led. Ciò che davvero conta, però, è avere un preciso codice etico. Ecco perché Refrion ha deciso di anteporre il rispetto delle persone e dell’ambiente a qualsiasi altro tipo di interesse. Perché la crescita e la soddisfazione devono essere di tutti”.

di Rossella Digiacomo

Source: Adobe Stock

27 Marzo 2020