You are here

Waste Travel 260°: Realtà Virtuale per Riciclare i Rifiuti - In a Bottle

Quando l’economia circolare diventa un gioco da ragazzi

Grazie al programma di realtà virtuale “Waste Travel 360°” gli studenti apprendono come funziona il mondo del riciclo

MILANO – Il primo progetto di realtà virtuale legato al mondo dei rifiuti adottato come strumento didattico nelle scuole e nei Comuni di tutta Italia. E’ questo “Waste Travel 360°”, un affascinante viaggio virtuale negli impianti di riciclo dei rifiuti alla scoperta della seconda vita degli scarti.

La favola del riciclo

Il progetto, realizzato da Ancitel Energia e Ambiente con il contributo di alcuni dei più importanti Consorzi di Filiera e patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, dal 2017 ad oggi ha coinvolto ben 50.000 studenti. I primi risultati del tour tra le scuole italiane sono stati raccolti in una pubblicazione dal titolo “La favola del riciclo: L’economia circolare, un gioco da ragazzi“. Il libro contiene anche i commenti degli studenti e accompagnerà il progetto in ogni sua tappa a partire dal prossimo anno scolastico.

Imparare giocando

“Waste Travel 360°” è uno strumento didattico dedicato all’educazione ambientale sull’Economia Circolare basato sulla realtà virtuale: immagini a 360°, navigabili intuitivamente da tutti i dispositivi, che permettono al fruitore di compiere una visita immersiva e interattiva nel mondo dei rifiuti, grazie alla resa grafica e alla qualità delle immagini in alta definizione. Il programma è in grado di fornire un’esperienza dal notevole impatto emozionale e permette all’utente di interagire direttamente con i materiali: non solo plastica e alluminio ma anche vetro e  legno, passando per l’acciaio e la carta. Come in un videogioco, i giovani fruitori possono essere parte attiva nello scegliere dove collocare un rifiuto, diventando anche parte integrante dello spazio e accompagnando i rifiuti nel processo di trasformazione e valorizzazione sino ai prodotti finali.

di Michael Dones

Source: 

30 Maggio 2019