Idratazione e corsa: quanto è importante bere acqua nello sport - In a Bottle

Idratazione e corsa: quanto è importante bere acqua nello sport

In allenamento come in gara, un corridore deve ricordarsi di bere l’esatta quantità di acqua tenendo conto dei diversie variabili e fattori legati all’idratazione.che possono influenzare il...

MILANO – Sappiamo tutti quanto sia importante per il nostro organismo bere acqua, specialmente quando le temperature aumentano. Ma una corretta idratazione è ancora più importante per i corridori, impegnati su lunghe distanze durante la stagione estiva. Quando si parla della corretta assunzione di acqua, ci sono molte domande che ci si pone. Proprio per questo motivo Runnersword.com ha intervistato Heather Milton, fisioterapista e specialista presso lo Sports Performance Center della NYU Langone, e Katie Kissane, specialista del benessere di UCHealth nel nord del Colorado.

Quanta acqua bisogna bere al giorno

In generale, è consigliabile per un singolo individuo bere circa 1 litro e mezzo o 2 litri di acqua al giorno. Se si vuole conoscere in maniera esatta quanta acqua bere al giorno in base al peso corporeo, occorre seguire la seguente formula: 30 ml x kg di peso corporeo = ml al giorno. Quindi, una donna di 50 kg dovrebbe assumere circa 1,5 lt di acqua, mentre un uomo di 80 kg circa 2,5 lt. Bisogna anche tener conto del lavoro che si fa e dell’attività fisica svolta durante il giorno: più essi sono intensi, più bisogna bere. La specialista Kissane suggerisce inoltre di iniziare la giornata con circa 1 bicchiere o 2 bicchieri d’acqua al mattino dopo essersi svegliati per reidratarsi dopo una notte di sonno, e quindi di continuare a bere acqua tutto il giorno per prevenire l'insorgenza di sintomi della disidratazione. È importante, sempre secondo l’esperta, ricordare che una volta che si avverte lo stimolo della sete, significa che si è già disidratati.

La corretta idratazione per un corridore

Secondo gli esperti, gli atleti durante una gara devono consumare più della quantità raccomandata nei giorni di allenamento. Possono iniziare con la raccomandazione di 2 litri al giorno e aggiungere liquidi in base alla durata della performance agonistica. Le esigenze di ogni atleta sono diverse e può essere difficile determinare esattamente quanta acqua bere: secondo Kissane variabili come l'altitudine, il calore e l'umidità possono influire sulla quantità di liquidi persi attraverso il sudore. Inoltre, la specialista suggerisce agli atleti di consumare liquidi durante il giorno e di monitorare la propria urina. Se l'urina è chiara o leggermente gialla, questo è un segno che si è abbastanza idratati. Se è scura bisogna continuare ad idratarsi.

Di Salvatore Galeone

Source: Adobe Stock

17 Giugno 2020