A Giverny l'acqua protagonista della mostra «Signac, les couleurs de l'eau»

A 150 anni dalla nascita del grande maestro Paul Signac, fondatore della corrente pittorica del Puntinismo, e in occasione della seconda edizione del festival "Normandia impressionista", a Giverny la mostra «Signac, les couleurs de l'eau», visitabile fino al 2 luglio. L'acqua e i giochi di riflessi il tema principale delle opere esposte...

Fino al 2 luglio in Francia la mostra pittorica in omaggio a Signac, padre del puntinismo. L’acqua il suo soggetto ispiratore.

MILANO - Imperdibile appuntamento in Francia per i più grandi appassionati d’arte: fino al 2 Luglio è aperta la mostra «Signac, les couleurs de l’eau» presso le Musée des Impressionismes di Giverny, piccolo centro della Normandia, noto per aver ispirato grazie ai suoi paesaggi acquatici le opere di alcuni tra i più grandi maestri pittorici di sempre come Claude Monet. La mostra che si tiene in occasione della seconda edizione del festival “Normandia impressionista”, rappresenta un omaggio a Signac, nato a Parigi 150 anni fa, l’11 novembre 1863.

PAUL SIGNAC E L’ACQUA - Come Claude Monet, anche Paul Signac ha trovato una continua fonte di ispirazione nell’evocazione dell’acqua, dei suoi colori e dei suoi giochi di riflessi. Quest’elemento ha infatti permesso al pittore francese di esprimere la propria creatività attraverso una moltiplicazione delle diverse variazioni cromatiche, alternando i colori più intensi a quelli più cupi. L’esposizione permette inoltre di visionare un centinaio di opere dell’autore, tra dipinti, acquerelli e disegni. Sarà completata inoltre da una ricca sezione documentaria (fotografie, pubblicazioni, lettere) presentata con il contributo dell’Archivio Signac.

IL PUNTINISMO - Signac è oggi considerato insieme a Georges Seurat l’inventore del Puntinismo, tecnica pittorica basata sull’utilizzo di piccolo tocchi di colore puro, e sull’idea della scomposizione e ricomposizione dell’immagine nell’occhio dello spettatore, posto ad una certa distanza dal quadro. Di questo periodo (1886-91) sono alcune serie di dipinti riuniti in questa mostra per la prima volta: è il caso della serie composta da «Saint-Cast Opus 209» (conservato al Museum of Fine Arts di Boston), «Saint-Briac. Les balises Opus 210» (collezione privata), «Saint-Briac. La Garde Guérin Opus 211» (Arp Museum, Remagen) e «Saint-Briac. Le Port Hue Opus 212» (museo Puškin, Mosca). Fondamentale per Signac è stata però l’influenza iniziale esercitata dal maestro impressionista Claude Monet, famoso per i suoi quadri incentrati sui paesaggi acquatici e sui giochi di riflessi. L’impatto dell’opera del maestro è riconoscibile nei primi paesaggi marini dipinti da un giovane Signac di chiara sensibilità impressionista e autodidatta, a Port-en-Bessin, in Normandia, tra il 1882 e il 1885.

aggiornato il 30 maggio 2013