You are here

Mostra Acqua di Oreste Baldini a Roma Villa Giulia – In a Bottle

“Acqua”, le opere di Oreste Baldini in mostra al Teatro d’acque di Villa Giulia

L’evento culturale dedicato all’acqua e ai cambiamenti climatici è realizzato presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma.

MILANO - L’evento “Acqua” è curato dall’Associazione Culturale ‘ARTE PER L’ARTE’, in collaborazione con il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e la Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma. Il celebre artista, scenografo milanese Oreste Baldini affronta con le proprie opere i temi legati ai cambiamenti climatici, concentrandosi sulla data 2030, “punto di non ritorno” entro il quale bisognerà necessariamente cambiare comportamenti e stile di vita.

 Le opere di Oreste Baldini a tema acqua

L’acqua è la sostanza da cui traggono origine tutte le cose; la sua scorrevolezza spiega anche i mutamenti delle cose stesse.” È proprio questa frase di Talete da Mileto a fare da incipit alla mostra “Acqua”, dove le opere dello sceneggiatore milanese Oreste Baldini rendono omaggio al prezioso oro blu. Il presente che dialoga con il passato su un fondamento della vita, l’acqua, elemento primario di tutte le forme biologiche. L’opera di Oreste Baldini, nella scenografica architettura del cinquecentesco Teatro d’acque di Villa Giulia, denuncia con la grande stele formata da lische – protagonista indiscusso della mostra - l’avvicinarsi del 2030, “punto di non ritorno” per i cambiamenti climatici. I pesci, al centro della ricerca dell’artista, superano il limite dell’acqua per loro stabilito e formano stele votive che congiungono l’acqua al cielo. Sculture verticali che con la loro preghiera silente invocano una risoluzione al preoccupante aumento della temperatura delle acque, tema reso cromaticamente con il rosso a cui si contrappone con forza il blu evocativo della purezza dell’elemento acqua.

L’evento è una mostra per un futuro sostenibile

La mostra, inaugurata il 6 ottobre - chiuderà l’8 dicembre - è curata dall’Associazione Culturale ARTE PER L’ARTE e.t.s., in collaborazione con il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e la Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paessaggio di Roma. Attore, doppiatore, scenografo, più in generale talento unico nel trovare differenti canali di espressione, Oreste Baldini porta al museo di Villa Giulia sessantacinque stele di legno e bronzo, una grande in ferro e mosaico e dieci raffiguranti i dieci anni che mancano al 2030, momento simbolo di “non ritorno” per salvare ancora il salvabile in campo ambientalista e data fondamentale anche per l’Agenda dell’ONU sullo Sviluppo Sostenibile.  A questo lavoro si aggiungono 14 pannelli dipinti con pesci su sfondo rosso, opera simbolo per denunciare l’innalzamento della temperatura delle acque.

di Salvatore Galeone

Source: Adobe Stock

7 Novembre 2019