You are here

Telescopio Spaziale Kepler individua mondi d’acqua sulla Via Lattea – In a Bottle

La Via Lattea è piena di “mondi d’acqua”

La scoperta riguardante circa mille dei 4mila pianeti extrasolari renderebbe sempre più probabile la vita nell’Universo

MILANO – La nostra galassia sarebbe piena di “mondi d’acqua”. È questa la teoria di un team di ricerca dell’Università di Harvard che ha elaborato i dati raccolti dal Telescopio Spaziale Kepler e dalla missione Gaia.

La scoperta

Degli oltre 4mila esopianeti intercettati dal Telescopio Spaziale Kepler, andato in “pensione” alla fine del 2018, circa un migliaio sarebbero ricchissimi del prezioso elemento, che si troverebbe sulla loro superficie in forma liquida o solida sotto forma di ghiaccio, in base alla distanza dalla stella di riferimento.

Ciò aumenta sensibilmente le probabilità che la vita, della quale l'acqua è un elemento imprescindibile sulla Terra, sia presente anche al di fuori del nostro pianeta.

Lo studio

Gli scienziati si sono concentrati sui pianeti con un raggio compreso tra le 2 e le 4 volte quello del nostro. Sfruttando anche i dati raccolti dalla missione Gaia i ricercatori hanno messo a punto un simulatore in grado di stimare composizione e struttura interna dei corpi celesti analizzati.

Dai calcoli condotti è emerso che i pianeti con una massa compresa tra le 6 e le 15 volte quella terrestre hanno condizioni coerenti con un nucleo di metallo o roccia circondato da ghiaccio o acqua, che occuperebbero almeno un quarto della massa del corpo celeste.

di Salvatore Galeone

Source: Adobe Stock

17 Maggio 2019