You are here

Più agricoltura sostenibile contro i cambiamenti climatici

Più agricoltura sostenibile contro i cambiamenti climatici

Il direttore generale della Fao, Josè Graziano da Silva promuove l'agricoltura sostenibile: ecco come potrebbe contrastare i cambiamenti climatici

MILANO – Il direttore generale della Fao, Josè Graziano da Silva, durante la Conferenza biennale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura ha sostenuto che rafforzare l'Agricoltura sostenibile può mitigare i cambiamenti climatici e le migrazioni forzate e rappresenta un modo efficace di affrontare il problema.

I numeri legati ai disastri dei cambiamenti climatici

Josè Graziano da Silva ha citato cifre che mostrano come, a partire dal 2008, disastri legati al clima e alle condizioni meteorologiche hanno causato uno sfollato al secondo - una media di 26 milioni all'anno.

Ha poi aggiunto che il fenomeno “è destinato a peggiorare nell'immediato futuro, con le zone rurali che fanno sempre più fatica a confrontarsi con temperature sempre più alte e con precipitazioni sempre più erratiche. La soluzione a queste grandi sfide sta nel rafforzare le attività economiche nelle quali la maggior parte delle popolazioni rurali sono già coinvolte”.

Le conseguenze degli eventi metereologici nel lungo periodo

Mentre William Lacy Swing, direttore generale dell' Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) sostiene che “anche se meno visibili rispetto a fenomeni climatici estremi come gli uragani, gli eventi meteorologici lenti legati ai cambiamenti climatici hanno un impatto maggiore nel lungo periodo”.

Basti pensare al Lago Ciad che negli ultimi 30 anni si è prosciugato.

“Molti migranti - ha sottolineato Swing - proverranno dalle zone rurali, con un potenziale impatto profondo sulla produzione agricola e i prezzi alimentari”.

La FAO e l'IOM sono stati eletti congiuntamente alla presidenza del Global Migration Group nel 2018 - un gruppo inter-agenzie che raggruppa 22 organizzazioni dell'ONU - e stanno collaborando per affrontare le ragioni alla base dei fenomeni migratori, una questione sempre più pressante per la comunità internazionale.

di Valentina Izzo

20 luglio 2017

credits: Fotolia