You are here

Energia solare per raccogliere acqua nel deserto

Energia solare per raccogliere acqua nel deserto

La società olandese SunGlacier ha sviluppato un dispositivo che grazie all'energia solare riesce a raccogliere acqua nel deserto del Sahara

MILANO – La società olandese Harvester Desert Twigs off-grid SunGlacier utilizza l'energia solare per raccogliere l'acqua nel deserto del Sahara attraverso un processo di condensazione. Il raccoglitore comprende due dispositivi separati: un'unità di energia che traccia e memorizza la potenza dai pannelli solari e il produttore dell'acqua che utilizza questa energia per raffreddare una piastra metallica.

Un’invenzione importante

Il liquido che viene raccolto è simile all’acqua piovana e può essere utilizzato per l’agricoltura o una volta purificato per bere.

Ap Verheggen, fondatore e artista che ha lavorato al SunGlacier, nel 2010 per creare modi per aiutare le zone affette da carenze idriche, sostiene che l’aria e il sole sono fonti utilizzabili per raccogliere l’acqua in luoghi colpiti dalla siccità.

Spiega infatti: “I deserti caldi sembrano asciutti, ma contengono ancora molta acqua nell'aria, fino a cinque volte più che nei Paesi Bassi. È soprattutto a causa delle alte temperature che non piove, ma l'umidità relativa è bassa, mentre l'umidità assoluta può essere molto alta”.

Le sperimentazioni del dispositivo

Il dispositivo è stato testato con successo nei Paesi Bassi, mentre in un primo momento, ha avuto delle difficoltà nell’ ambiente del deserto, poiché si è surriscaldato, ha smesso di lavorare e l’acqua è evaporata in pochi minuti dall’apertura del raccoglitore.

La società dopo aver sperimentato questo clima impegnativo sta costruendo ulteriori prototipi che richiedono meno energia e che potrebbero essere eventualmente prodotti su larga scala, inoltre intende costruire più macchine e sviluppare processi di stoccaggio e pulizia dell'acqua.

di Alessandro Conte

11 agosto 2017

credits: sunglacier.nl