You are here

Sustinability Rocks di Live Nation per un Rock Sostenibile – In a Bottle

“Sustinability Rocks” e “Green Nation”, Live Nation supporta il Rock sostenibile

Per il progetto sulla sostenibilità, la famosa società promotrice di concerti diventa “Green Nation”

MILANO – Le aziende sono sempre più attente al tema della sostenibilità. Ne è un esempio Live Nation che, con l’iniziativa Sustainability Rocks, continua ad essere all'avanguardia nell'ambito dell’organizzazione di concerti. Lanciata nel 2018, fa parte del più ampio progetto di sostenibilità “Green Nation” sostenuto direttamente dal colosso promotore di concerti.

Il progetto sostenibile di Live Nation

"Sto cercando modi per ridurre l'impatto ambientale durante i concerti", afferma Lucy August-Perna, responsabile della sostenibilità dei locali di Live Nation. "Ovviamente negli ultimi anni abbiamo concentrato la maggior parte delle nostre forze sullo smaltimento di rifiuti, sul consumo di energia e di acqua, e, naturalmente, sul coinvolgimento di fan, artisti e comunità in logica eco-friendly". "Ho avuto il piacere di lavorare con la Dave Matthews Band e Jack Johnson, in un momento storico in cui erano proprio gli stessi artisti ad incoraggiare i locali in cui si esibivano ad adottare pratiche più rispettose dell'ambiente", continua la manager. Inoltre, Tom See, presidente di Live Nation USA riassume la cosa in modo simile: "Tutto è iniziato proprio dagli artisti", dice, " sono stati loro i primi ad incentivare la realizzazione di attività sostenibili che hanno trovano, poi, il supporto degli organizzatori.”

L’organizzazione di Sustinability Rocks per il riciclo dei rifiuti

Durante i concerti, l'azienda lavora alla diffusione, attraverso maxischermi posti ai lati del palco, di messaggi volti ad educare il pubblico sulle migliori pratiche sostenibili da adottare. Tuttavia, molti aspetti sostanziali di “Sustainability Rocks” si svolgono dietro le quinte. Infatti, un team dedicato lavora costantemente per garantire, entro il 2020, il miglioramento della raccolta e del riciclo dei rifiuti prodotti nei locali. "È un obiettivo a cui stiamo ancora lavorando; sapevamo che sarebbe stato molto ambizioso" - afferma August-Perna - "Due anni fa riciclavamo solo il 15% circa dei rifiuti nelle nostre sedi”. In soli due anni siamo arrivati al 50%". See e August-Perna sono estremamente soddisfatti del successo di “Sustainability Rocks”, anche se continuano a focalizzare la loro attenzione sullo smaltimento dei rifiuti entro il 2021, su come misurare la propria impronta di carbonio in modo che possa raggiungere completamente la massimizzazione dell'efficienza energetica.

di Michael Dones

Source: Adobe Stock

31 Ottobre 2019