andare in bicicletta

L’alleato in più dei ciclisti è l’acqua

Per chi va in bici è consigliato bere 150 ml di acqua in più ogni 15 minuti in cui si è sudato

MILANO – Una delle attività che la bella stagione incentiva a fare è la passeggiata in bicicletta e, che si sia professionisti o amatori, occorre prendere consapevolezza sull’importanza di una corretta alimentazione e idratazione. E il nutriente più importante per i ciclisti è l’acqua, elemento importante che costituisce il carburante naturale di chi va sulle due ruote.

I vantaggi della corretta idratazione

Tanti possono essere i contrattempi a cui si può andare incontro, se non si garantisce il giusto apporto idrico, quando si va in bici. Il volume del sangue può ridursi, insieme alla capacità di mantenere una temperatura interna ottimale e la giusta quantità di ossigeno che i muscoli pompano quando sono al lavoro. Gli esperti consigliano di bere almeno 2-3 litri di acqua al giorno e 150 ml in più per ogni 15 minuti in cui si suda. Per reintegrare poi i sali minerali persi con la sudorazione è importante consumare un’acqua ricca di sodio anche per evitare crampi muscolari soprattutto durante la stagione calda che sta per arrivare.

Food is fuel

Dal punto di vista dell’alimentazione, l’attenzione deve essere riposta nei confronti dei macronutrienti (proteine, grassi e carboidrati) e micronutrienti (vitamine e minerali) che l’attività in bici richiede. Il cibo è il veicolo principale per questi nutrienti che, in quantità adeguate, favoriscono un complessivo stato di salute ottimale, la “manutenzione”, riparazione e crescita muscolare.