Idratazione e sport, quanto sono importanti e come conciliarli

Idratazione e sport, quanto sono importanti e come conciliarli

Fondamentali per il nostro corpo, l’acqua e l’attività fisica vanno a braccetto verso il benessere quotidiano

MILANO –  L’idratazione del corpo dipende da persona a persona, dall’ambiente in cui vive e dalle attività che svolge. Insieme a una corretta idratazione e a una sana alimentazione a migliorare la qualità della vita concorre anche una costante attività fisica. Il portale americano Health.com spiega come possiamo conciliare al meglio idratazione, alimentazione ed esercizio fisico.

Piccoli esperimenti

Come ha spiegato Robert Huggins, PhD della University of Connecticut: “Il bisogno di liquidi è dinamico e deve essere personalizzato per ciascun individuo. Fattori quali il sesso, le condizioni ambientali, il livello di acclimatazione, l'esercizio fisico, intensità del lavoro, l'età e anche la dieta, devono essere tenuti in considerazione”. Per misurare quanta acqua dobbiamo assumere  durante l'esercizio fisico, il Prof. Huggins consiglia di fare piccoli esperimenti. Prima di iniziare  l’attività fisica ci si dovrebbe  pesare, senza vestiti. Ricordarsi quanta acqua si beve mentre si fa allenamento, e al termine, pesarsi nuovamente. La differenza tra il peso iniziale e quello dopo l’attività fisica, rispettando i valori, va convertito in litri e il risultato sarà la dose d’acqua da assumere per reidratarsi.

Gli alimenti possono aiutare

L’attività fisica, in particolare quella agonistica, richiede una grande assunzione d’acqua. In questi casi anche gli alimenti posso tornare utili nel post allenamento (Alimenti idratanti). Alimenti come i pomodori, i peperoni, l’anguria e tanti altri contengono un’altissima percentuale d’acqua e possono aiutare il vostro corpo a mantenersi sempre idratato, anche dopo l’attività fisica, essenziale per il benessere personale e per il mantenimento di un’alta qualità di vita.

di Redazione