You are here

La NASA scopre ghiacciai su Plutone

La NASA scopre ghiacciai su Plutone

La sonda spaziale New Horizons ha inviato foto ad alta risoluzione di montagne ghiacciate

MILANO – Le ultime foto divulgate dalla NASA mostrano immagini incredibili inviate sulla terra dalla sonda New Horizons. Un panorama straordinario di Plutone, in particolare delle zone chiamate Majestic Mountains e Frozen Plains riprese 15 minuti dopo il fly-by, che hanno evidenziato la presenza di monti alti 3.500 metri e piane ghiacciate. Immagini mozzafiato, catturate pochi minuti dopo il tramonto di Plutone. La foto più impressionante, come riporta il Telegraph è stata scattata dalla sonda spaziale New Horizons il 14 luglio scorso, nella fase di massimo avvicinamento al pianeta nano.

Un’infinità di dati 

La sonda ha svolto un lavoro preziosissimo per la scienza, raccogliendo un’infinità di dati, che avranno bisogno di almeno sedici mesi per giungere al completo sulla Terra. Le suggestive immagini dei ghiacciai rivelano un’incredibile varietà di caratteristiche superficiali molto complesse, che da ora saranno a disposizione degli scienziati per essere studiate: "Plutone ci mostra una diversità di morfologia e la complessità dei processi che vale tutto ciò che abbiamo visto nel sistema solare finora - ha detto Alan Stern, del Southwest Research Institute (SwRI), Boulder, Colorado -. Se un artista avesse dipinto questo Plutone prima del nostro fly-by, probabilmente avrei commentato l’opera “sopra le righe”, ma invece la realtà è lì davanti ai nostri occhi”. I nuovi dati ricavati dalla sonda hanno rivelato la presenza di possibili dune, flussi di ghiaccio d'azoto che colano fuori dalle regioni montuose sulle pianure e le valli, colpite dal materiale che scorre sulla superficie del pianeta. Immagini che mostrano montagne caoticamente confuse, che ricordano i terreni perturbati di Europa, il satellite naturale di Giove.

Il pensiero di Jeff Moore e di Stuart Robbins 

"La superficie di Plutone è tanto complessa quanto quella di Marte - ha dichiarato Jeff Moore, capo della New Horizons Geologia -. Le montagne potrebbero essere un deposito di azoto congelato all'interno della zona chiamata Sputnik Planum”. Immagini che hanno fatto il giro del mondo, grazie al montaggio di un video: “Questa animazione è nata dal desiderio di mostrare al pubblico le immagini più recenti inviate dalla sonda New Horizons, che testimoniano la complessità della superficie di Plutone – ha detto uno degli autori del video, Stuart Robbins, del Southwest Research Institute a Boulder - ma le immagini ricevute finora sono solo un assaggio di quelle catturate dalla sonda e non vediamo l'ora che arrivino le altre, che avranno una risoluzione sette volte maggiore, per vedere quali altre sorprese ha in serbo per noi Plutone”.

di Redazione