Arthur Von Wiesenberger, l'acqua in bottiglia è qualità

Intervista esclusiva all'anchorman, giornalista e scrittore americano Arthur Von Wiesenberger, che ha spiegato in numerose pubblicazioni il valore dell'acqua in bottiglia. A lui abbiamo chiesto di...

Intervista al noto anchorman e giornalista dei broadcast americani

NEW YORK - Il giornalista e scrittore americano Arthur Von Wiesenberger spiega, in un'intervista esclusiva, qual è secondo lui il valore dell'acqua in bottiglia. A lui abbiamo chiesto di raccontarci com'è nata l'acqua in bottiglia, si spiegarci perché è considerata qualitativamente preziosa e di fare una fotografia del mercato americano.

Quando e dove nasce la prima acqua in bottiglia?
 
L'acqua è sempre stata "in bottiglia" fin dagli albori del tempo. Nei tempi antichi veniva imbottigliata in pelli di capra. Ha fornito acqua da bere a cacciatori e raccoglitori durante il viaggio dalle loro grotte e abitazioni. Successivamente l'acqua venne poi imbottigliata in brocche di argilla e altri contenitori organici. Il primo imbottigliamento commerciale registrato si ha nel 1500 quando il Re di Francia volle portarsi a corte l’acqua di una famosa sorgente in Belgio: bevendola si accorse di sentirsi bene e decise di voler continuare il trattamento per la schiena nel suo Palazzo Reale. L'acqua venne trasportata da carri trainati da cavalli e nacque la prima distribuzione internazionale di acqua in bottiglia proveniente da sorgenti.
 
In un libro lei ha parlato della qualità delle acque in bottiglia. Può dirci che cosa ha scoperto?
 
Tutta l'acqua non viene creata allo stesso modo. Ogni sorgente è come un'impronta digitale: non ce ne sono due identiche. Sono i minerali e oligoelementi naturali che danno all'acqua caratteristiche uniche e di qualità. L'acqua acquisisce le peculiarità gli strati sotto la sorgente durante il viaggio che compie nel terreno dal momento in cui è caduta dal cielo. Alcune acque trascorrono diversi anni nel sottosuolo facendosi lentamente strada verso la superficie. Altre trascorrono invece un breve periodo dalla loro caduta sul suolo alla loro presenza sulla tavola. Un ottimo modo per scoprire le differenze da un punto di vista sensoriale umano è quello di fare una degustazione. Seguendo le linee guida su BottledWaterWeb.com chiunque può vedere velocemente le differenze tra le acque in bottiglia.
 
Lei ha anche scritto sul gusto. Cosa si può dire al riguardo?
 
Il gusto è un riflesso della qualità. Se l'acqua ha un cattivo sapore può dipendere da numerosi fattori. In acqua di rubinetto può contenere disciolte sostanze chimiche come il cloro. In acqua naturale invece zolfo o alghe. Anche il packaging può influenzare negativamente il sapore dell'acqua: se la qualità della plastica di una bottiglia è scadente il materiale può dare un sapore “di plastica” all'acqua. Infine è molto importante l’isolamento: se l'acqua non viene isolata correttamente (lontano da solventi e prodotti petrolchimici), anche in questo caso il gusto e la qualità delle acque in bottiglia ne risentono.
 
Che cosa può dirci sulla sicurezza delle acque in bottiglia?
 
L'acqua in bottiglia è una delle bevande più sicure che una persona possa consumare. Non ho mai sentito  nessuno ammalarsi o morire dopo aver bevuto acqua in bottiglia. Purtroppo lo stesso non si può dire acqua di rubinetto.
 
 Pensa che il mondo ha capito l'importanza di questo bene?
 
C'è una lenta presa di coscienza dell'importanza dell'acqua. Certamente grazie anche ad alcune pubblicazioni e organizzazioni mondiali come l'ONU. Ma il consumatore medio che vive nell’Occidente civilizzato dà all’acqua un valore scontato. Giriamo il rubinetto e l'acqua sgorga in abbondanza. Andiamo al supermercato e ci sono scaffali pieni di scelte. L'unica modo perché la maggior parte delle persone si preoccupino è quando non è improvvisamente non sarà più disponibile. Come ha detto Benjamin Franklin: “conosciamo solo il valore dell’acqua quando il pozzo è asciutto".
 
Cosa pensano gli americani dell’acqua in bottiglia? Quanto ne bevono?

Gli americani hanno una buona sensibilità verso l’acqua in bottiglia e il mercato è cresciuto notevolmente negli ultimi decenni. Quando ho scritto il mio primo libro sull'acqua in bottiglia, nel 1978, il mercato statunitense copriva 200 milioni di dollari di vendite. Oggi è di oltre 10 miliardi. Solo negli ultimi dieci anni il consumo pro capite è cresciuto da 18,2 litri pro capite al 29,2 (secondo il Beverage Marketing di New York). Ma c'è ancora molta confusione su ciò che l'acqua in bottiglia è in realtà. Non c'è quasi la consapevolezza dei benefici per la salute e le proprietà dell'acqua. La categoria acqua gassata, che un tempo era leader del settore negli Stati Uniti con prodotti come Perrier, oggi rappresentano solo una piccola percentuale del mercato globale degli Stati Uniti.

9 agosto 2012