You are here

Laura Rossi, l’acqua è alla base della nutrizione

Laura Rossi, l’acqua è alla base della nutrizione

L’esperta del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (CREA) è intervenuta nell’ambito del convegno “Bere bene per crescere bene” promosso da SIPPS, FEMTEC e Sanpellegrino

ROMA – Il tema dell’idratazione ha conquistato negli anni un posto di rilievo all’interno delle piramidi alimentari sviluppate a ogni livello. Oggi ogni rappresentazione grafica ha alla base l’acqua quale elemento essenziale per un corretto stile alimentare. A spiegare questo salto in avanti è stata Laura Rossi, esperta del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (CREA), intervenuta nell’ambito del convegno “Bere bene per crescere bene” promosso da SIPPS, FEMTEC e Sanpellegrino.

Come si inserisce il tema dell’idratazione nei documenti di riferimento in Italia, dai LARN alle linee guida del CREA?

L’acqua è sempre stata tratta come alimento essenziale nei LARN, ovvero nei livelli di assunzione raccomandati di energia e nutrienti. Dal 2003 abbiamo tradotto quello che è scritto nei LARN in una linea guida specifica con consigli pratici per la popolazione su come mantenere una buona idratazione.

Quali sono le prospettive per il 2017?

Prepareremo la quinta revisione delle linee guida per una sana alimentazione, verrà mantenuta la linea guida sull’acqua e verranno approfonditi certi aspetti specifici tipo i falsi miti, la sostenibilità e l’importanza dell’idratazione nelle varie fasce di età.

Come si inserisce l’idratazione nelle piramidi alimentari?

La piramide che nasce negli anni ’90 era molto scarna e aveva solo alcuni alimenti. Queste rappresentazioni grafiche si sono via via arricchite di altri elementi caratterizzanti la dieta salutare ed in particolare l’idratazione. Tutte le rappresentazioni (dal piatto alla pagoda) hanno alla base il bicchiere d’acqua per raccontare l’importanza della sana idratazione all’interno della sana alimentazione. In questo senso voglio citare l’esperimento della Francia che ha rappresentato la piramide come una barca a vela dove lo scafo è immerso per due terzi nell’acqua a testimonianza dell’importanza della corretta idratazione.

di Prisca Peroni

16 dicembre 2016