You are here

Palace Hydrosommelier di Bormioli: il bicchiere per ogni acqua

La vetreria di Parma Bormioli Luigi ha creato la linea Palace Hydrosommelier, la collezione di bicchieri che ottimizza la degustazione dell’acqua

PARMA – L’elemento che, più di ogni altro, si associa comunemente al concetto di semplicità presenta in realtà innumerevoli sfaccettature.

Non è un caso che, ormai da qualche anno, molti fra i ristoranti più prestigiosi affiancano alla carta dei vini quella delle acque, che permette di scegliere quella ideale per accompagnare i diversi piatti in base alle sue caratteristiche: dalla consistenza, alla mineralizzazione, al residuo fisso. Ma c’è di più.

Una ricerca scientifica condotta da una équipe di neuroscienziati del California Institute of Technology di Pasadena ha addirittura identificato, conducendo alcuni esperimenti sui topi, un particolare gusto per l’acqua, che andrebbe così ad affiancarsi a quelli sino a oggi conosciuti (dolce, salato, amaro, acido, grasso).

Una linea di bicchieri per degustare l’acqua

Bormioli Luigi, azienda di Parma leader nel settore della vetreria, ha creato una particolare collezione studiata per degustare al meglio le acque minerali: la linea Palace Hydrosommelier.

La collezione si fonda proprio sull’idea che, al pari del vino, le acque hanno gusto e personalità, che dipendono da diversi fattori: la mineralizzazione, innanzitutto, ma anche la percentuale di anidride carbonica e l’entità del residuo fisso, cioè dei sali disciolti, determinanti nel conferire identità.

Oltre a seguire qualche semplice regola per gustare al meglio l’acqua (le acque “piatte” non andrebbero mai bevute fredde, al contrario di quelle gassate), è dunque importante sapere che anche il bicchiere che si sceglie può fare davvero la differenza.

Ecco i tre bicchieri firmati Luigi Bormioli.

Il calice per acqua minerale frizzante

Trattato in maniera speciale per esaltare le bollicine, è stato studiato per non alterare con il calore della mano la temperatura fresca dell’acqua.

Stringendo lo stelo del calice fra pollice e indice è possibile osservare l’aspetto limpido dell’acqua e lo sviluppo delle bollicine senza toccare la coppa con le mani.

Il diametro bocca e l’angolo di uscita sono tali da massimizzare le percezioni gustative dei diversi tipi di acqua minerale.

Il bicchiere per acqua minerale piatta

Ha quasi la stessa forma della coppa del calice effervescente, ma è privo di stelo (stemless).

Molto elegante, si presta alle mise en place più ricercate.

Il bicchiere per acqua tonica

Questa bevanda, composta da acqua addizionata di anidride carbonica, zucchero e aromi naturali (tra cui il chinino, che le dona il tipico gusto amarognolo) è ottima consumata liscia (con eventuale aggiunta di limone), come bevanda dissetante e va bevuta generalmente fredda.

Il bicchiere da acqua tonica ha forma slanciata e bocca leggermente rientrante con inclinazione di 14’ per esaltare il retrogusto amarognolo della bevanda.

Il diametro della bocca è studiato per una giusta inclinazione della testa e per sorseggiare facilmente, senza interferenza della eventuale fetta di limone o ghiaccio utilizzati nella bevanda.

di Alessandro Conte

4 settembre 2018