You are here

I ghiacci dell’Antartide si sciolgono sempre più velocemente - In a Bottle

I ghiacci dell’Antartide si sciolgono sempre più velocemente

Secondo uno studio della rivista scientifica PNAS, negli ultimi 40 anni lo scioglimento dei ghiacciai è passato da 40 a 252 gigatoni

MILANO – I ghiacciai dell’Antartide si sciolgono ad una velocità sempre più consistente, senza venir rimpiazzati da nuove formazioni. E’ quanto emerge dallo studio pubblicato dalla rivista scientifica PNAS intitolato “Quarant’anni di bilancio di massa della calotta antartica dal 1979 al 2017”.

L’analisi

I ricercatori hanno analizzato la calotta antartica utilizzando un sistema completo e preciso di registrazione satellitare per documentare l'impatto dello scioglimento dei ghiacciai sull'innalzamento del livello del mare. La perdita di massa è dominata dall'aumento del flusso del ghiacciaio nelle aree più vicine all'acqua profonda circumpolare calda, salata, sottosuperficiale, compresa l'Antartide orientale, la più colpita dalla perdita in tutto il periodo. L’unità di misura presa in considerazione dai ricercatori è il gigatone, un'unità metrica di massa equivalente a 1 miliardo di tonnellate.

I risultati

Dai dati raccolti dai ricercatori, è emerso come la quantità di ghiaccio sciolta in Antartide è passata da 40 gigatoni all’anno tra il 1979 e il 1990 ai 252 gigatoni annui tra il 2009 e il 2017, con un incremento del 280% rispetto alle prime due decadi prese in considerazione. Dall’analisi degli studiosi risulta che il ghiaccio sciolto in Antartide non viene rimpiazzato da nuove formazioni, complice anche la sensibile diminuzione delle precipitazioni nevose, destabilizzando l’equilibrio e mettendo a rischio la conservazione del continente. Durante l'intero periodo, la perdita di massa si è concentrata particolarmente nelle aree più vicine al caldo, al salato, al sottosuolo, all'acqua profonda circumpolare. Secondo i ricercatori, è probabile che nei decenni a venire si verifichi l'innalzamento del livello del mare dall'Antartide.

di Michael Dones

Source: Pixabay

22 Gennaio 2019