You are here

Filippine: costruita la prima scuola riciclando bottiglie

La Illac Diaz e MyShelter Foundation nelle Filippine ha progettato una scuola realizzata utilizzando bottiglie di plastica al posto dei mattoni

MILANO – Utilizzare le bottiglie di plastica al posto dei mattoni per costruire nuovi edifici totalmente sostenibili. Si moltiplicano le iniziative di veri e propri progetti ingegneristici che vedono la plastica come – è il caso di dirlo – chiave di volta di costruzioni.

Nelle Filippine, ad esempio, questa opportunità è stata sfruttata per edificare una scuola attraverso il riciclo di bottiglie per larga parte in PET, ma anche in vetro.

La scuola sostenibile

Si trova a San Pablo, nel Sud Est Asiatico, la prima scuola costruita utilizzando le bottiglie di PET e di vetro. L’ambizioso progetto è stato ideato da Illac Diaz e MyShelter Foundation, nato per risolvere il problema della sovrabbondanza di bottiglie di plastica,  ha visto l’impego delle bottiglie inutilizzate nella realizzazione di una scuola per i bambini.

L’edificio è costituito da 1.5 tonnellate di bottiglie riempite con terra rossa per essere più stabili e resistenti. La raccolta delle bottiglie è avvenuta anche grazie all’aiuto di numerose famiglie che hanno contribuito portando i propri vuoti mentre il sito sul quale è sorta la struttura è stato donato dalla città di San Pablo.

Edilizia green

Questa scuola non è l’unico esempio di come dagli scarti possano essere tratti vantaggi nell’interesse della collettività. Sappiamo che dalla plastica possono nascere nuovi oggetti, ma adesso questa pratica si sta diffondendo anche nel settore dell’edilizia.

Lo stato di Taiwan, ad esempio, è famoso per avere un elevato consumo di bottigliette di plastica: annualmente ne vengono infatti sprecate circa 4.6 miliardi. Riutilizzarle riportandole a nuova vita diventa quindi un’esigenza fondamentale per la popolazione. Per questo uno degli ultimi edifici costruiti nella capitale, Taipei, è stato realizzato interamente utilizzando i vuoti di PET.

A Rotterdam, infine, è stata addirittura realizzata una piramide impiegando ben 100mila tonnellate di PET. La struttura è stata chiamata “Temple di Trash” ed è stata progettata e realizzata da Design Salzig, studio tedesco di design e architettura, che ha avuto l’idea di innalzare un’enorme piramide fatta esclusivamente di bottiglie di PET pressate.

di Alessandro Conte

2 ottobre 2018