La qualità delle acque di balneazione europee rimane elevata - In a Bottle

La qualità delle acque di balneazione europee rimane elevata

Quasi l'85% dei siti balneari monitorati in tutta Europa nel 2019, soddisfa gli standard di qualità più elevati e rigorosi dell'Unione europea

MILANO – Buone notizie per le acque europee in vista dell’inizio della stagione estiva. Secondo i dati pubblicati dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA), quest’anno la qualità dei siti di balneazione europei rimane elevata. Poco meno dell’85% delle acque monitorate nell’eurozona nel corso 2019 soddisfano standard di eccellenza secondo i più rigorosi criteri di qualità stabiliti dall’Unione Europea. In base alla nota informativa quasi tutti i 22.295 siti di balneazione del continente monitorati lo scorso anno (di cui 21.981 si trovavano nei 28 Stati membri dell'UE, Regno Unito incluso) hanno soddisfatto i requisiti minimi di qualità.

La qualità dei siti di balneazione europei

I risultati specifici hanno mostrato solo un lieve calo dei siti che rispettano i requisiti più elevati (qualità "eccellente") e quelli minimi (qualità "sufficiente") stabiliti dalla direttiva dell'UE sulle acque di balneazione: l'85% dei siti di balneazione in Europa è stato valutato di qualità  eccellente", il 95 % soddisfa i requisiti minimi per una qualità "sufficiente". Nella nota informativa si rileva inoltre che nei siti balneabili costieri la qualità è migliore rispetto alle zone interne.

Di tutti i siti monitorati in Europa lo scorso anno il numero di quelli valutati nel complesso "scarsi" si è attestato all'1,3%. Tale cifra non ha subito grandi variazioni dal 2013, quando il dato era del 2%, rispecchiando i miglioramenti a lungo termine della qualità delle acque di balneazione europee.

Il successo delle norme ambientali europee

Monitoraggio e gestione efficaci introdotti da questa e altre normative ambientali dell'UE, come la direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane (1991), hanno portato a una drastica riduzione delle acque reflue urbane e industriali non depurate o parzialmente depurate che finiscono nelle acque di balneazione. Di conseguenza sono sempre più numerosi i siti di balneazione che non solo sono conformi ai requisiti minimi di qualità, ma raggiungono anche i livelli di qualità più elevati. Oltre alla relazione di quest'anno, l'AEA ha pubblicato anche una mappa interattiva aggiornata che indica il livello di qualità delle acque di tutti i siti di balneazione. Sono inoltre disponibili relazioni per paese aggiornate e ulteriori informazioni sull'attuazione della direttiva nei diversi paesi.

L’accesso ai siti di balneazione dopo la pandemia

Tuttavia, a causa dell'epidemia da coronavirus e delle misure restrittive adottate in tutta Europa, i cittadini sono invitati a chiedere informazioni aggiornate alle autorità locali e nazionali e agli operatori balneari in merito alle misure di sicurezza nelle diverse località. Per aiutare gli Stati membri a revocare gradualmente le restrizioni di viaggio e consentire alle imprese turistiche di riaprire dopo mesi di chiusura nel rispetto delle necessarie precauzioni sanitarie, il 13 maggio la Commissione ha presentato un pacchetto di orientamenti e raccomandazioni.

Di Salvatore Galeone

24 Giugno 2020