You are here

L’acqua in classe riduce il rischio disidratazione per gli studenti – In a Bottle

L’acqua in classe riduce il rischio disidratazione per gli studenti

Una ricerca inglese ha dimostrato come tenere una bottiglia di acqua in classe aiuti a mantenere idratati favorendo anche concentrazione e attenzione

MILANO –  Gli esperti concordano che i ragazzi di età scolare, rispetto agli adulti, hanno un metabolismo basale più elevato e di conseguenza un maggior fabbisogno idrico per chilo di peso corporeo. I giovani tra gli 11 e i 14 anni dovrebbero consumare almeno 1,5 litri di acqua al giorno ma spesso non ci riescono perché a questa età non riconoscono precocemente il senso della sete. Ecco perché è importante favorire e incoraggiare la corretta idratazione a partire dai banchi di scuola.

Lo studio

A proposito di scuola, una ricerca inglese ha confrontato il consumo di acqua da parte dei giovani studenti in tre realtà scolastiche diverse, dimostrando che i valori di disidratazione sono risultati dimezzati (45%) nella scuola che lasciava portare acqua in classe, consentendo anche di tenere la bottiglietta sul banco.

Viceversa, nelle scuole in cui l’accesso all’acqua è stato limitato solo all’intervallo e a pranzo, i ragazzi consumavano il 90% di acqua in meno rispetto a coloro che potevano regolarmente bere durante la giornata.

L’idratazione a scuola

Si tratta di percentuali elevatissime, considerando che una lieve disidratazione, con perdita dell’1% di peso corporeo, può portare a una diminuzione della concentrazione e delle performance cognitive quali memoria a breve termine e attenzione nei bambini.

Recentemente è stato inoltre provato che il rendimento scolastico è migliore tra gli studenti che risultano correttamente idratati. Ampi studi dimostrano infine come uno stato di disidratazione anche lieve, possa favorire una riduzione della concentrazione e dell’attenzione a ogni età e in tutte le situazioni, anche sul luogo di lavoro, e possa influenzare negativamente l’umore.

di Salvatore Galeone

29 novembre 2018

source: pixabay