You are here

Bere acqua a scuola permette di tenere sotto controllo il peso degli studenti_alt tag

Bere acqua a scuola permette di tenere sotto controllo il peso degli studenti

Il Prof. Solimene dell’Osservatorio Sanpellegrino commenta le evidenze di uno studio americano e da questo presupposto parte la campagna Hydration@school

MILANO – In questi giorni i media stanno riportando le conclusioni di uno studio americano pubblicato su “Jama Pediatrics” dal quale emerge che incentivare il consumo di acqua nelle scuole permette di tenere sotto controllo il peso degli studenti. Lo studio ha coinvolto più di mille scuole di New York e oltre un milione di ragazzi: negli istituti in cui sono state istallate macchinette per fornire bottigliette di acqua fresca a basso prezzo, gli scienziati hanno osservato una riduzione dell’indice di massa corporea (Bmi) e della probabilità di essere sovrappeso e obeso.

Il valore dell’idratazione per i più piccoli

“I risultati di questo studio confermano l’importanza dell’idratazione per bambini e ragazzi; all’interno di un corretto stile di vita l’acqua dovrebbe quindi rappresentare la prima scelta – commenta il Prof. Umberto Solimene, membro dell’Osservatorio Sanpellegrino e Presidente della FEMTEC e del Centro di Ricerche Bioclimatologia Medica, Medicina Termale e Scienze del Benessere dell’ Università degli Studi di Milano – Questo perché è una bevanda a zero calorie, senza zucchero, senza additivi e non acidificata. Come dimostra questo studio il suo consumo non è associato ad un aumento di peso o a disturbi metabolici. In ambiente scolastico non dimentichiamo inoltre come un’idratazione inadeguata incida negativamente sulle performance cognitive. Una perdita di acqua definita lieve, 1-2% del peso corporeo, può pregiudicare la capacità di concentrazione, mentre una perdita di acqua superiore al 2% può influenzare negativamente le capacità di elaborazione del cervello” – conclude il Prof. Solimene.

La campagna educativa Hydration@School

Soprattutto sui banchi di scuola è allora opportuno sensibilizzare i bambini a bere sano e a preferire l’acqua. Da questo presupposto parte la campagna educativa Hydration@school realizzata da Food Education Italy (Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare a scuola) e promossa dal Gruppo Sanpellegrino. Hydration@school è un progetto didattico rivolto alle Scuole Primarie di tutta Italia per sensibilizzare i giovani studenti, gli insegnanti e le famiglie sull’importanza di una corretta idratazione per il proprio benessere psico-fisico.

Sono oggi numerosi i programmi di educazione alimentare per i più piccoli, spesso infatti, parlando di benessere e salute, ci si focalizza sulle caratteristiche del cibo e sulla proposta di diete di vario genere; è invece raro che si porti l’attenzione sul consumo di acqua e sulla necessità imprescindibile di mantenere giustamente idratato il nostro organismo.

Giunto alla seconda edizione, il programma può essere sviluppato durante tutto l’arco dell’anno scolastico 2015-2016. Fulcro della campagna il sito web www.hydrationatschool.it che costituisce il “contenitore” di tutti gli strumenti utili al suo sviluppo nelle scuole e lo spazio di interazione per i partecipanti al programma. Sempre dal sito gli insegnanti possono richiedere il kit didattico, completamente gratuito, che comprende una Mini-Guida per l’insegnante, di aiuto per impostare le lezioni in classe, 22 HydroQuaderni con informazioni e giochi per gli alunni e le loro famiglie e un Poster infografico-didattico da appendere in classe.

di Alessandro Michielli