You are here

Reni e idratazione: 6 cose da sapere – In a Bottle

Reni e idratazione, 6 cose da sapere

In occasione della Giornata mondiale del rene, ecco ciò che occorre conoscere per mantenerli sani grazie al corretto consumo di acqua

MILANO - Per mantenere i propri reni sani è fondamentale idratarsi in maniera corretta. Secondo la National Kidney Foundation ciò significa bere acqua in base al proprio fabbisogno idrico giornaliero, che cambia da persona a persona a seconda di età, clima, attività fisica, stato di gravidanza/allattamento.

In particolare, l'acqua aiuta questi organi a rimuovere i rifiuti dal sangue sotto forma di urina, mantiene i vasi sanguigni aperti in modo che il sangue possa viaggiare liberamente verso di essi al fine di  fornirgli i nutrienti essenziali.

La non corretta idratazione ci può rendere stanchi, compromettere le normali funzioni corporee, fino a recare danni ai nostri reni.

In occasione del  World Kidney Day del 13 marzo, ecco 6 cose da sapere per mantenere questi organi sani attraverso una corretta idratazione.

1 A ognuno il proprio programma d’idratazione

Non esiste una vera e propria regola per cui tutti abbiamo bisogno di bere 8 bicchieri d'acqua al giorno. Si tratta solo di una raccomandazione generale basata sul fatto che perdiamo continuamente acqua dal nostro corpo e abbiamo bisogno di un'adeguata assunzione per garantire le nostre funzioni vitali.

2 “Meno è meglio” se si soffre di insufficienza renale

Quando i reni non funzionano bene, le persone non espellono abbastanza acqua dal proprio corpo. Coloro che si sottopongono alla dialisi devono assumere meno liquidi.

3 Occhio all’iponatremia

Non è molto comune che ciò accada tra le persone normali, ma soprattutto gli atleti che fanno sport di resistenza come i maratoneti possono bere grandi quantità di acqua e quindi diluire il livello di sodio nel sangue, provocando l’iponatremia, un disturbo associato all’insufficienza renale.

4 La tua urina può rivelare molto

Per una persona media, occorre bere abbastanza acqua per dissetarsi e mantenere le proprie urine di colore giallo chiaro o incolore, in quanto una tonalità cromatica più scura è un chiaro indicatore di disidratazione. Normalmente, si dovrebbero espellere 1,5 litri di urina al giorno.

5 L'acqua previene calcoli renali e infezioni

Calcoli renali e infezioni del tratto urinario sono due condizioni comuni che possono danneggiare i reni e per i quali è essenziale una buona idratazione.

I calcoli renali si formano meno facilmente quando c'è abbastanza acqua nell’organismo, capace di evitare che i cristalli che formano i calcoli si attacchino ai reni.

L'acqua aiuta a sciogliere gli antibiotici usati per trattare le infezioni del tratto urinario, rendendoli più efficaci. Bere abbastanza acqua aiuta anche a produrre più urina, che aiuta a scovare ed espellere i batteri che causano infezioni.

6 Idratazione e medicine

Bere acqua insieme a determinate medicine può aiutare a prevenire danni ai reni. Occorre leggere le etichette dei farmaci e consultare sempre il proprio medico prima di sottoporsi a trattamenti clinici, soprattutto se si hanno delle particolari patologie.

di Michael Dones

Source: Adobe Stock

13 Marzo 2019