Città fantasma galleggiante al largo di Barcellona fiction o realtà - In a Bottle

Città fantasma galleggiante al largo di Barcellona fiction o realtà?

Le immagini, documentate da un videoamatore, sono state filmate sulla spiaggia di Gavà ed inviate ad una testata giornalistica spagnola

MILANO – Una sagoma grigia galleggiante composta da alte torri ed una forma molto simile ad una piattaforma offshore. È stato questo che si è presentato qualche settimana fa di fronte ad un gruppo di turisti curiosi sulla spiaggia di Gavà a Barcellona. La piccola “città” galleggiante però non esisteva, in quanto frutto di un effetto ottico, del tutto naturale, conosciuto con il nome di “Fata Morgana”. L’apparizione, definita “spettacolare, come una città sul mare”, è stata documentata da un videoamatore di nome Xavi Cabo, che si è preoccupato subito di filmare l’accaduto e di inviarlo alla redazione del quotidiano La Vanguardia.

Effetto “Fata Morgana”. Di che cosa si tratta?

Il curioso fenomeno naturale prende il nome dall’omonima maga mitologica, sorellastra di Re Artù, che mostrava ai marinai delle illusioni ottiche per attirarli in trappola e quindi ucciderli. Si tratta di un miraggio dovuto ad un’inversione di temperatura: gli oggetti che si trovano all’orizzonte, infatti, possono assumere un aspetto allungato che si estende in altezza.

Come ha origine il tutto?

L’effetto “Fata Morgana” si verifica quando i raggi del sole vengono incurvati dal passaggio attraverso strati d’aria a temperature diverse. In condizioni metereologiche in cui il clima è sereno può succedere che uno strato d’aria molto caldo ne sovrasti uno freddo: in questo caso si crea un condotto atmosferico che agisce come una lente di rifrazione producendo una serie di immagini o illusioni ottiche.

Il fenomeno può avvenire sia sulla terra ferma che sul mare, in ogni parte del mondo. In Italia, per esempio, si è verificato diverse volte al largo della Sicilia e della Calabria; altri posti ad essere stati “colpiti” sono la Cina, a Jiangxi e Foshan.

Secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo La Vanguardia, infine, i riferimenti a queste città fantasma sono aumentati al largo della costa di Barcellona per due motivi. Sia per le condizioni metereologiche favorevoli che per l’intenso traffico di grandi navi che transitano nel porto di Barcellona.

di Michael Dones

Source: Adobe Stock

12 Marzo 2020