Italiani rimandati a settembre in nutrigenomica

Italiani rimandati a settembre in nutrigenomica

Dall'Osservatorio Nestlé Fondazione ADI arrivano le pagelle per gli italiani: in nutrigenomica, acidi grassi e intolleranze tanta confusione

MILANO – Esami di maturità, esami universitari, pagelle... tra giugno e luglio si concentrano le prove più stressanti dell’anno.

Ma come ci rapportiamo a tematiche più complesse e scientifiche come nutrigenomica, acidi grassi e intolleranze?

Quest’anno lOsservatorio Nestlé- Fondazione ADI, giunto alla sua settima edizione, si è arricchito di una nuova sezione: “Lo sapevi che?” mettendo alla prova la conoscenza in ambito nutrizionale e scientifico degli italiani, che se la sono cavata, ma con qualche difficoltà.

Cosa studia la nutrigenomica?

Ben 1 italiano su 3 ha risposto correttamente, riconoscendola come la scienza che studia gli effetti che gli alimenti hanno all’interno delle nostre cellule (33% del campione); e cosa avrà risposto il restante 67%?

Tra gli astenuti (27%) e chi si è confuso dando una risposta plausibile ma errata (39%), per fortuna c’è solo un 1% del campione che ha identificato la nutrigenomica come la scienza che sviluppa nutrimento in pillole.

Maternità

Interrogati poi sugli acidi grassi presenti nel latte materno, gli italiani iniziano a vacillare. Ben il 95% del campione femminile ha risposto in maniera scorretta o si è astenuto dal dare una risposta.

Solo il 5% delle donne e il 7% degli uomini ha correttamente riconosciuto il palmitico come il maggior componente acido del latte materno.

Rimanendo sempre in tema “maternità”, la media sale un po’ quando si parla di dieta povera di carboidrati in gravidanza.

Quali rischi comporta? Il 35% del campione ha risposto correttamente (maggior rischio di sottopeso per il neonato e di obesità per il bambino durante l’infanzia), solo l’8% ha risposto in maniera scorretta, mentre il 57% si è astenuto dal rispondere.

Intolleranze e allergie

Sono tra i temi più dibattuti degli ultimi tempi. Proprio per questo, la ricerca ha voluto indagare anche la conoscenza degli italiani in materia.

Il risultato? Promossi sul latte, bocciati sul lievito.

Solo il 14% del campione ha dichiarato di essere intollerante al lattosio, ma ben l’85% sa esattamente che questa intolleranza dipende da una carenza dell’enzima lattasi.

Un po’ di confusione invece riguarda il lievito: il 12% del campione dichiara infatti di esserne intollerante; e a pensarlo sono soprattutto le persone obese (17%) che dichiarano di avvertire gonfiore e spossatezza, apparentemente sintomi della presunta allergia. L’intolleranza al lievito, però, non è scientificamente provata.

Maggiore informazione

“In questi ultimi anni è cresciuto il numero di pazienti che dichiara di soffrire di improbabili allergie e/o intolleranze. Questo dato deve farci riflettere, è molto probabile infatti che il dilagare di allarmismi infondati dipenda da uno scorretto metodo di informazione e diagnosi, che non può assolutamente essere quello del fai da te, soprattutto se si considera che la percentuale di popolazione in sovrappeso continua a crescere (28% nel 2009 vs 30% nel 2016). C’è ancora troppa confusione quindi, un primo passo verso una maggiore consapevolezza potrebbe essere l’affidarsi un po’ meno all’esperienza personale e lasciare al medico la diagnosi di reali patologie” ha commentato il dott. Giuseppe Fatati, Presidente della Fondazione ADI e coordinatore scientifico dello studio.

di Alessandro Conte

12 luglio 2017

credits: Fotolia