Le sculture di ghiaccio, attrazione turistica della città cinese di Harbin - In a Bottle

Le sculture di ghiaccio, attrazione turistica della città cinese di Harbin

Ogni anno, tra gennaio e febbraio, artisti ed esperti si danno appuntamento per dare vita ad un vero e proprio villaggio “sotto zero”

MILANO – La città cinese di Harbin, che si trova nella provincia orientale del Heilongjiang, territorio confinante con la Siberia, viene visitata ogni anno, soprattutto nei mesi di gennaio e febbraio, per le numerose statue di ghiaccio ideate da artisti provenienti da ogni parte del Mondo. Le sculture, che danno vita ad un’intera città che diviene ancora più affascinante grazie a diversi giochi di luce, sono ricavate da più di 200 mila metri cubi di ghiaccio, recuperato dal vicino corso d’acqua del Songhua.

Alla scoperta del Festival Internazionale delle Sculture di Ghiaccio e di Neve di Harbin

Ogni anno, tra il mese di gennaio e febbraio Harbin ospita questa affascinante manifestazione, una fra le tre più importanti al Mondo per quanto riguarda il ghiaccio e la neve. Artisti e professionisti del settore si sfidano così, a colpi di scalpello, per realizzare la statua più spettacolare ed affascinante e molti turisti si recano appositamente in loco per ammirare le diverse creazioni.

Al Festival Internazionale delle Sculture di Ghiaccio e di Neve sono previste anche altre attività

L' evento, che si svolge ad Harbin dal lontano 1984, non prevede solo gare che premiano la migliore creazione, ma anche competizioni di sci, di pattinaggio, di ice soccer e, per i più romantici, la possibilità di partecipare ad un “grande” matrimonio di massa per “congelare” il più bel “sì, lo voglio” che sia mai stato detto. Il prezzo del biglietto si aggira attorno ai 40 Euro e la durata del Festival cambia a seconda delle temperature previste per la stagione: con l’arrivo della primavera, infatti, le sculture tenderanno via via a sciogliersi. 

di Salvatore Galeone

Source: Adobe Stock

21 Gennaio 2020