You are here

Pesantezza delle gambe: perché bere tanta acqua fa bene

La spiacevole sensazione di pesantezza alle gambe può essere contrastata bevendo tanta acqua: scopri il nesso con la circolazione sanguigna

MILANO – Stare seduti o in piedi per troppo tempo, fare uno sforzo fisico eccessivo, indossare indumenti molto stretti può dar luogo a una spiacevole sensazione di pesantezza alle gambe. Questo fastidio può essere talvolta imputabile anche a fattori ormonali o climatici. Gambe intorpidite, gonfie o doloranti possono però anche essere sintomo di qualcosa di più grave, dalla flebite alla trombosi venosa profonda.

La causa di tale sintomo è da rintracciarsi nella circolazione sanguigna. Infatti, quando a causa dell’inattività i muscoli non si contraggono a sufficienza per spingere il sangue verso l’alto, si verifica un suo accumulo negli arti inferiori, che limita conseguentemente il drenaggio dei tessuti.

La principale soluzione è bere più acqua

Dal momento che è principalmente la stasi sanguigna nelle vene a provocare la sensazione di pesantezza alle gambe, è necessaria una corretta idratazione per favorire una buona regolazione della circolazione. Per questo motivo può essere utile bere tanta acqua, ossia almeno 1,5 o 2 litri al giorno.

Sul piano dell’alimentazione, conviene invece limitare il consumo di cibi salati per contenere la ritenzione idrica e preferire i cibi ricchi di vitamina C e bioflavonoidi (agrumi, kiwi, ananas, mirtilli neri e frutti di bosco) in quanto, grazie alle loro proprietà naturali, riescono a rinforzare i capillari assicurando un maggiore benessere alla circolazione.

Un altro suggerimento per vincere la pesantezza nelle gambe risiede nel passare su di esse un getto di acqua fredda quando si è sotto la doccia.

di Fabio Piemonte

1 ottobre 2018

credits: fotolia