Il Rotary Club Ticino ha premiato i bambini vincitori del concorso "Il futuro dell'Acqua"

Il Rotary Club Ticino ha premiato i vincitori del concorso "Il futuro dell'Acqua", iniziativa rivolta agli alunni delle scuole medie del territorio dell'Altomilanese. L'obiettivo è quello di sensibilizzare i ragazzi sul valore dell'acqua collaborando con i loro docenti. Il presidente Marco Moriconi spiega il progetto e perché si è puntato sulle scuole...

Il presidente Marco Moriconi spiega com’è nata l’iniziativa per sensibilizzare i bambini al valore della risorsa acqua

MILANO – L’acqua al centro del concorso per pensieri e immagini rivolto agli alunni delle scuole medie del territorio lombardo per l’anno scolastico 2012-2013. Si chiama “Il Futuro dell’acqua” ed è stato ideato e organizzato dal Rotary Club Ticino con l’intento di sensibilizzare gli studenti di quell’età al valore dell’acqua, risorsa essenziale e fondamentale per la vita, collaborando con i loro docenti. La premiazione e l’esposizione di tutti gli elaborati selezionati dalla Giuria, avvenuta lo scorso 13 aprile, ha visto i bambini protagonisti per una sera all’Auditorium dell’ Istituto Comprensivo Manzoni di Legnano. Il presidente Mario Moriconi spiega l’iniziativa.

Come è nata l’idea dell’iniziativa “Il futuro dell’acqua” ?

L’iniziativa è nata da due principali necessità: essere più presenti a livello di territorio come Rotary, specialmente nelle scuole, e nel contempo sensibilizzare i ragazzi sull’uso responsabile dell’acqua, come bene prezioso da preservare.

Questo tema è importante anche per il Rotary, dal momento che costituisce una delle nostre sei vie d’azione. Inoltre nel gennaio 2010 è nato il progetto «AQUAPLUS» per iniziativa del Distretto 2040 del Rotary e di EXPO Milano 2015 SpA, con l’obiettivo di realizzare insieme un modello di sviluppo da presentare come best practice per un utilizzo efficiente dell’acqua all’esposizione stessa, e che coniugasse una delle priorità umanitarie del Rotary, che è quella di contribuire a eradicare la fame e la sete nel mondo, con il motto dell’Esposizione Universale di Milano nel 2015, cioè nutrire il pianeta, energia per la vita.

Partendo da questo concetto e grazie al lavoro della commissione progetti del Rotary Club Ticino, presieduta da Alberto Giangrande, è stato possibile realizzare il concorso.

Qual è stato il riscontro? 

Il riscontro degli studenti è andato oltre le più rosee aspettative: 650 studenti coinvolti, dodici Scuole per ventotto Classi e trentacinque Gruppi. I ragazzi hanno lavorato per mesi al progetto, con un entusiasmo che ci ha oggettivamente sorpreso. Oltre ad aver raccolto la soddisfazione dei ragazzi, abbiamo avuto richieste per riproporre il concorso in altre scuole del territorio già dal prossimo anno. 

Come mai la scelta di rivolgervi agli studenti delle Scuole medie secondarie di I grado?

Abbiamo pensato che l’iniziativa potesse interessare più i ragazzi delle scuole medie secondarie di I grado, e che potesse portarli ad una maggiore consapevolezza dell’utilizzo dell’acqua, data anche l’età. Come anche poi confermato dagli insegnanti, il concorso ha permesso un lavoro interdisciplinare e di gruppo, utile anche per la loro crescita.

Quali sono stati i progetti migliori e quindi vincitori?

Il lavoro della giuria, composta da insegnanti e professionisti del settore e presieduta da Giancarlo Nicola, past Governor Distretto 2040 e presidente dell’Associazione Europea Rotary per l’Ambiente, non è stato semplice: numerosi erano i progetti meritevoli di vincere tanto che sono state istituite delle menzioni speciali della giuria a premiare la creatività dei ragazzi.

Il premio come primo classificato è andato alla Scuola media secondaria Sant’Ambrogio di PARABIAGO Classe prima - sezione A - gruppo 1 con il lavoro “Se vive l’acqua vivi tu”, che ha vinto una lavagna interattiva multimediale.

Il premio come secondo classificato ex-aequo è andato alla Scuola media secondaria Giovanni XXIII a VILLA CORTESE Classe prima - sezione B con il lavoro “Se non c’è acqua pulita, non c’è via: elementare Watson”, che ha vinto un videoproiettore.

Il premio come secondo classificato ex-aequo è andato alla Scuola media secondaria Ottolinia RESCALDINA, Classe prima - sezione C – gruppo 1, con il lavoro “Attenti al lupo”, che ha vinto un videoproiettore.

A fine concorso c’è stata quindi la diffusione di una maggiore sensibilizzazione sul valore della risorsa acqua ?

A giudicare dal lavoro dei ragazzi, dall’esito del concorso, dalla partecipazione attiva e dall’entusiasmo che hanno mostrato in tutte le fasi dell’iniziativa, si può sicuramente affermare che i ragazzi sono stati sensibilizzati sul valore della risorsa acqua. Al termine dell'evento, sono anche stati consegnati fino ad esaurimento 150 rompigetto areato per rubinetti, che miscelano acqua e aria, riducendo il consumo di acqua durante l'utilizzo.

aggiornato il 13 maggio 2013