You are here

Paolo Crepet: il significato di sognare l'acqua, affogare e nuotare

Paolo Crepet: il significato di sognare l'acqua, affogare e nuotare

Essere travolti, sprofondare, nuotare, possono simboleggiare aspetti negativi o positivi riguardanti la nostra vita reale.

MILANO – Essere travolti, sprofondare, nuotare. Tante sono le sfaccettature che può assumere l’acqua nei nostri sogni. Abbiamo chiesto allo psichiatra Paolo Crepet di provare quali significati e valori può assumere l’acqua nei nostri sogni. Oltre a essere uno psichiatra per vocazione, come ama definirsi, Crepet è anche scrittore e pensa che la psichiatria sia un modo per rimuovere gli ostacoli alla felicità.

Sognare l’acqua è sempre riconducibile al concetto di liquido amniotico, di maternità? Oppure ha anche altri significati?

“Sognare acqua sicuramente si ricollega all’idea ancestrale della maternità. Quindi alla nascita. Anche e forse soprattutto in termini di regressione. La nascita infatti collegata al sognare acqua non indica sempre e solo novità. Ma indica anche paura. Necessità di regredire ad uno stadio in cui l’umanità è coccolata. Quello della gestazione appunto.

L’acqua è quindi nel sogno un ricordo piacevole in cui il subconscio si rifugia quando la vita nella realtà non è così piacevole. L’inconscio cioè costruisce una sorta di macchina del tempo che permette al sognatore di tornare a tempi migliori”.

Cosa significa sognare acque agitate?  

“Sognare acque impetuose è più frequente che sognare acque tranquille. Perché ognuno è più tribolato che sereno. Quando una persona è molto serena infatti non sogna affatto. O meglio: non ricorda i propri sogni. Il ricordo del sogno infatti indica inquietudine legata ad eventi, persone, fatti o sensazioni. L’acqua è anche un elemento di imprevedibilità. Di non controllo. Un qualcosa che può essere immanente. Sognare acque agitate è spesso sintomo di angoscia profonda”.

Cosa significa sognare di nuotare?

“Nuotare in un ambiente sconfinato indica libertà. Molte donne sognano spesso acque tranquille che poi improvvisamente si agitano portando via il loro bambino. In questo caso l’acqua è solo un mezzo, uno strumento poco controllabile”.

Dunque l’acqua esprime mancanza di controllo, libertà, angoscia e timore?  

“Sì. Queste parole non sono in contraddizione tra loro. Noi siamo angosciati di essere liberi. La libertà spesso non fa stare tranquilli. E comporta l’assunzione di responsabilità”.

Che altri significati può assumere il sogno dell’acqua? 

“Si può ad esempio sognare l’acqua di un ruscello. In questo caso l’acqua diventa la grande metafora della trasparenza. Simbolo di purezza e onestà”.

Cosa vuol dire sognare di annegare? 

“Spesso capita di sognare di annegare come se l’acqua sovrastasse la persona e questa perdesse l’aria. Questo è un sogno molto ricorrente e indica un problema personale collegato alla bassa stima di sé. Essere sovrastati dall’acqua significa avere la convinzione di non farcela.

Perché una persona teme che le sue capacità, il suo talento la sua forza siano insufficienti rispetto a ciò che richiede la vita. Questo tipo di sogni però si evolve nella vita. A vent’anni si sogna in un modo, a cinquanta in un altro…

Ci sono persone però che anche a settanta anni sognano di annegare, perché il problema della stima di sé non è mai stato risolto. Nell’adolescenza il problema della bassa stima di sé è giustificabile. Col passare del tempo la vita però determina un rafforzamento dell’io e una maggiore capacità di gestire la vita medesima”.

Cosa significa sognare di bere acqua?  

“Sognare di bere acqua non è un sogno così frequente. Bere è ovvio nel sogno comporta l’idea della sete. Avere sete indica aver bisogno di qualcosa che manca. Il sogno di bere acqua indica che l’individuo ha una necessità.

Il fatto che questo sogno non sia ricorrente è un segno dei tempi, nel senso che l’uomo moderno non ha più così tanta fame. Sia dal punto di vista materiale che spirituale. Per i nostri nonni sognare di bere era una figura retorica più ricorrente”.

di Alessandro Conte

2 maggio 2018

credits: paolocrepet.it