Quanto è importante l’acqua? Scopritelo all’Expo di Milano

Quanto è importante l’acqua? Scopritelo all’Expo di Milano

Sanpellegrino organizza dal 3 al 10 agosto i workshop WET per i bambini di età compresa tra i 6-12 anni ed i loro genitori

MILANO – Nasce da un concetto fondamentale l’iniziativa WET – Water Education for Teachers, il progetto internazionale promosso in Italia da Sanpellegrino, con l’obiettivo di educare alla gestione responsabile della risorsa acqua. “Il rispetto dell’acqua si impara a scuola” ed ora che i banchi degli istituti di formazione sono vuoti, è l’Esposizione Universale di Milano, luogo di eccellenza per un confronto a 360 gradi sul tema della sostenibilità, ad ospitare i workshop WET grazie a  Sanpellegrino, Partner di Expo Milano 2015 e Padiglione Italia.

L’iniziativa

Dal 3 al 10 agosto, mese che EXPO dedica all’acqua, per i bambini di età compresa tra 6-12 anni ed i loro genitori, il Gruppo Sanpellegrino organizza dei laboratori ludico-didattici, mirati a far comprendere l’importanza di una corretta idratazione per il benessere dell’organismo, il ciclo dell’acqua e il suo ruolo negli equilibri del nostro Pianeta. Ogni workshop ha una durata di circa 30 minuti e viene ripetuto sei volte al giorno presso il “Vivaio Scuola”, al terzo piano del Padiglione Italia.

Grazie a un video-tutorial si può scoprire, in modo semplice e divertente,  quanto sia importante, vitale e indispensabile l’acqua per la vita degli esseri umani, delle piante e degli  animali. Gli animatori poi coinvolgono i bambini in un gioco con i dadi, dove sono proprio loro a impersonare le pedine, ovvero le molecole d’acqua che ripercorrono i luoghi del loro viaggio incessante, dai fiumi verso l’oceano, dalle nuvole alla Terra, dagli animali all’uomo. In corrispondenza di ogni tappa, i partecipanti raccolgono una perlina utile a comporre un braccialetto colorato che ricorda tutti i luoghi percorsi da questa preziosa risorsa. Ultimo, ma non di meno importanza, il grande cartellone che mostra come l’acqua sia una risorsa rinnovabile, ma da proteggere. I bambini vengono invitati a scegliere, in corrispondenza di varie situazioni della vita quotidiana, le migliori pratiche per risparmiare acqua.

A favore dei più piccoli

Come sappiano nei bambini il senso della sete è meno sviluppato che negli adulti, ecco perché è fondamentale controllare la quantità di acqua e la frequenza con cui bevono. Attraverso giochi interattivi e installazioni i piccoli partecipanti e le loro famiglie, che ne sono il primo esempio, hanno la possibilità di scoprire la percentuale di acqua presente nei nostri organi e come poter mantenere il bilancio idrico sempre in equilibrio. Ogni giorno assumiamo acqua bevendo e mangiando, ma allo stesso tempo la perdiamo con la sudorazione, la respirazione, l’evaporazione, l’urina e le feci. Attraverso questi giochi si impara che per stare bene e mantenerci sani la quantità di acqua immessa nei nostri corpi dovrebbe essere uguale alla quantità persa.

Ad ottobre c’è laR-GENERATION”

I workshop WET in programmazione per la prima settimana di agosto sono stati preceduti dai laboratori “La corretta idratazione” che il Gruppo Sanpellegrino ha organizzato a giugno con una grande partecipazione delle scuole di tutta Italia in visita all’Esposizione Universale. Circa 700 bambini hanno infatti potuto imparare quanto l’acqua è importante per la salute del nostro corpo fino a saper riconoscere i sintomi di un’idratazione non corretta. E per il mese di ottobre, dall’1 all’8, proprio per cogliere appieno le opportunità che un’occasione educativa come EXPO offre, Sanpellegrino ha in programma un nuovo ciclo di workshop, R-GENERATION, nei quali i più piccoli vengono sensibilizzati al risparmio delle risorse naturali, alla raccolta differenziata e al riciclo, conoscendo il ciclo di vita della plastica PET e le sue caratteristiche.

di Redazione