You are here

Come idratarsi dopo un allenamento intenso

Come idratarsi dopo un allenamento intenso

I consigli dela personal trainer americana Meghan Kennihan svelati sul portale specializzato Mmn.com per idratarsi correttamente dopo l'attività fisica

MILANO – Probabilmente già sapete che è molto importante bere, soprattutto dopo essersi allenati. Questo perché, quando si suda, il corpo perde liquidi che, in qualche modo, devono essere reintegrati, specie adesso che le temperature saliranno.

Il portale americano specializzato Mmn.com riporta i consigli della personal trainer e coach Meghan Kennihan che ha spiegato cosa, quanto e quando bisogna bere.

Che cosa si dovrebbe bere?

“La maggior parte delle volte, l’acqua è tutto ciò di cui hai bisogno per reidratare il tuo corpo” ha detto Kennihan, pur sottolineando che il tipo e quantità di idratazione necessaria variano in base alla durata dell’allenamento e alle temperature durante il quale questo avviene.

“Le persone che si allenano per più di 45 minuti o con temperature molto alte hanno bisogno di bevande che contengono elettroliti come il potassio e il sodio”.

Questo perché, quando il corpo suda non perde soltanto acqua ma anche alcuni nutrienti, come il potassio e il sodio, di cui necessita. Quando si suda poco, l’acqua è un ottimo mezzo per la reidratazione.

Quando si suda molto, invece, il corpo perde più elettroliti di quanti ne riesca a produrre in quel momento ma, sottolinea la Kennihan, è necessario prestare molta attenzione agli integratori, poco conosciuti e consumati più per moda.

Quando si dovrebbe bere?

 L’American Council on Exercise suggerisce che bisogna:

  • Bere mezzo litro d’acqua 2/3 ore prima d’iniziare l’allenamento.
  • Bere un bicchiere d’acqua 20 minuti prima d’iniziare l’allenamento o durante il riscaldamento.
  • Bere un bicchiere d’acqua circa ogni 10/20 minuti durante l’allenamento.
  • Bere un bicchiere d’acqua entro 30 minuti dalla fine dell’allenamento.

In realtà non esiste una vera e propria regola perché, come sottolineato dalla Kennihan, “Il meccanismo della sete può essere un impreciso indicatore di disidratazione”. Inoltre, è molto importante tener conto del fattore “soggettività”, perché ogni corpo ha le sue specifiche esigenze d’idratazione.

Per comprendere quale sia la quantità d’acqua necessaria a reidratare il nostro corpo, Meghan suggerisce di pesarsi sia prima che dopo l’allenamento e osserva che “Per ogni chilo perso durante l’attività è bene bere circa mezzo litro d’acqua”.

Conoscere “i propri numeri”, infatti, può aiutare a prevenire molti problemi tra cui, appunto, la disidratazione.

di Alessandro Conte

8 maggio 2018

credits: fotolia