You are here

Auto come fonti d'acqua: l'invenzione della Ford

Auto come fonti d'acqua: l'invenzione della Ford

On-The-Go-H2O è il sistema studiato da due ingegneri per Ford: raccoglie e filtra la condensa del condizionatore producendo quasi due litri di acqua l'ora

MILANO – Quando Doug Martin ha letto su un cartellone pubblicitario a Lima, in Perù, un’innovazione che ha trasformato l'umidità in acqua potabile per la popolazione locale, pensò: e se le auto producessero acqua?

La condensa dei condizionatori d'aria per veicoli, che di solito solo gocciola sull’asfalto sottostante, potrebbe essere utilizzata in modo molto simile. Martin ha lavorato con il collega John Rollinger per dare corpo all'idea, creando un sistema prototipo.

Uso sostenibile dell’acqua

L’idea di Martin di trasformare le auto in una vera e propria fonte d'acqua parte dal presupposto che occorre trovare usi sostenibili per questa risorsa rinnovabile ma non inesauribile.

«Tutte le volte che l’acqua è assimilabile a un rifiuto dovremmo sforzarci di recuperarla in qualche modo – ha affermato l’ingegnere – Quest’idea potrebbe, su una scala più larga, aiutare a risolvere i problemi di accesso ad acqua pulita in quelle zone fortemente stressate».

On-the-go H2O

Il sistema messo appunto per Ford si chiama On-The-Go-H2O.

Raccoglie e filtra la condensa del condizionatore per convogliarla attraverso un sistema che termina con un rubinetto situato all'interno della vettura.

Gli ingegneri hanno scoperto che un'auto è in grado di produrre circa 1.89 litri di acqua all’ora.

«Non posso credere che si possa sprecare tutta quell’acqua», ha concluso Martin. I tempi di produzione sono pressoché nulli, dal momento che si tratta di installare un semplice purificatore.

 Da qui alla commercializzazione capillare ancora ce ne passa, ma se non altro l’idea è piaciuta e si è dimostrata efficace, ragione per cui non è impensabile immaginare di sentirci dire, quando andremo in un concessionario, se tra gli accessori desideriamo anche un rubinetto in abitacolo!

di Salvatore Galeone

15 febbraio 2018

source: jacksonville.com