You are here

Kitesurf dalle Origini al Successo Odierno– In a Bottle

Kitesurf, storia dello sport acquatico praticabile in tutte le stagioni che quest’estate ha spopolato in America

Nato tra le coste della Bay Area, questo adrenalinico sport acquatico ha spopolato durante le stagioni calde, ma può regalare emozioni anche nel corso del periodo invernale

MILANO – Il Kitesurf è stato considerato uno dei più affascinanti sport acquatici dell’ultima estate. Si pratica utilizzando un’aerodinamica tavola per cavalcare le onde e sfruttando la potenza del vento tramite un apposito aquilone: il “kite”. Uno sport amato per la sua versatilità, praticabile in estate come nel corso della “bassa stagione” durante la quale i più audaci, esperti ed appassionati, possono sfidare la straordinaria potenza dei venti autunnali ed invernali.

Il Kitesurf e la potenza del vento diventano un adrenalinico sport acquatico

La storia dell’evoluzione del Kitesurf passa per le mani di Don Montague, un giovane sportivo appassionato di surf e di sport acquatici che, osservando i modelli più tradizionali in voga negli anni ’90, si accorse dei numerosi difetti pratici degli stessi. Decise di dedicarsi allo sviluppo delle migliorie necessarie ad aumentare le performance di questo adrenalinico sport acquatico. L’atleta canadese prese in considerazione l’idea dei fratelli Legaignoux cioè quella di collegare una tavola ad un enorme aquilone governabile tramite quattro corde e la spinse oltre ogni limite. L’origine, o meglio, l’evoluzione del tradizionale “kite” vede come punto di svolta il disuso della tradizionale “tavola da surf”, considerata pesante e troppo ingombrante. Venne quindi sviluppato un modello più aerodinamico, performante e maggiormente adatto ad essere collegato ad un aquilone, uno strumento che potesse quindi sfruttare appieno la potenza del vento.

Don Montague e l’invenzione del kitesurf unendo un aquilone e una tavola

Nel lontano 1997 Montague provò a collegare ad un “Kite” (un aquilone) vari dispositivi come canoe, gommoni o piccoli catamarani, cercando di studiarne le differenti caratteristiche. Trovò la soluzione in uno speciale tipo di tavola da surf, modificata appositamente per essere più leggera ed aerodinamica, lo strumento perfetto in grado di sfruttare l’energia del vento. Windsurfer professionista e certamente una mente brillante, il giovane sportivo canadese non avrebbe mai immaginato una carriera come inventore. Ad oggi è tutt’ora attivo il programma di ricerca fondato da Don Montague, il “Kiteboat Project”, associazione che studia le performance dei Kitesurf. Il successo estivo di questo sport acquatico sarà accompagnato da un aumento di intraprendenti appassionati che, grazie ad un adeguato equipaggiamento, lo praticheranno anche nel corso dei mesi meno caldi.

di Stefania Ghezzi

Source: Adobe Stock

23 Settembre 2019