Il Progetto Agrivair di Nestlé Waters premiato in Francia dal Presidente Hollande

Il Progetto Agrivair di Nestlé Waters premiato in Francia dal Presidente Hollande

Nato per proteggere le fonti naturali di tre dei suoi marchi più popolari di acqua minerale in Francia, il progetto di Nestlé Waters è stato inserito nel "La France des Solutions", il riconoscimento alle sette migliori iniziative che spiccano per l'impegno ambientale, economico, sociale e territoriale...

Rientra nelle sette migliori iniziative di impegno ambientale, economico, sociale e territoriale

MILANO – Proprio nel ventennale della sua nascita, il progetto Agrivair promosso in Francia da Nestlé Waters a difese delle fonti naturali di acqua è stato insignito dal Presidente della Repubblica Francese Francois Hollande di un importante riconoscimento. E’ entrato infatti nel “La France des Solutions”, un programma speciale che premia le migliori iniziative di impegno ambientale, economico, sociale e territoriale.

TUTELA DELL’ACQUA MINERALE – Nel leggere le motivazioni, il Presidente Hollande ha sottolineato i vantaggi che il progetto Agrivair ha apportato nella cura del territorio, in particolare “è diventato un’opportunità per conciliare ecologia e agricoltura come nel caso della tutela dell’acqua minerale”. Il riconoscimento è avvenuto durante una conferenza promossa dalla Ong francese “Reporter of Hopes” e dall’Istituzione Cese, il Consiglio Economico Sociale e Ambientale francese.

COS’E’ AGRIVAIR– L'iniziativa, che si estende per 10.000 ettari di terreno, ha contribuito a migliorare la qualità del suolo nella regione, proteggendo la biodiversità dal 1992. Negli ultimi due decenni Nestlé Waters ha lavorato con gli attori locali, tra cui gli agricoltori, le imprese, i residenti, e giardinieri per contribuire ad equilibrare la crescita economica della regione dei Vosgi, con la tutela delle risorse idriche. Con la partecipazione di esperti e la comunità locale, in questo modo, l'iniziativa Agrivair è diventata un modello unico nel suo genere per la collaborazione e lo sviluppo sostenibile.

Per saperne di più sul progetto clicca qui

aggiornato il 13 gennaio 2014