You are here

Cause Sbiancamento Barriera Corallina– In a Bottle

Sbiancamento barriera corallina, le cause oltre all’aumento delle temperature

Le indagini sono state condotte dai ricercatori marini nelle zone tra l'Oceano Indiano e il Pacifico

MILANO - Studi recenti sembrano rivelare che dietro il fenomeno dello sbiancamento delle barriere coralline ci siano cause più complesse rispetto al semplice stress da calore. Secondo i ricercatori marini del WCS (Wild Conservation Society) le cause della perdita di colore - e della vita - dei coralli dipendono da una varietà di fattori di stress, ai quali ogni area territoriale risponde in modo diverso.

I coralli reagiscono diversamente in base a tipi e luoghi

"I nostri risultati suggeriscono che le risposte dei coralli al cambiamento climatico globale possono differire a seconda della loro posizione geografica, in quanto essi presentano diversi modi comportamentali, diverse reazioni e diverse tolleranze al calore e allo stress", ha affermato il Dr. Tim McClanahan, Senior Conservation Zoologist del WCS e co-autore dello studio. "La conseguenza è che, se vogliamo identificare potenziali strategie di preservazione delle barriere coralline, è indispensabile che la gestione e le politiche adottate siano allineate con i luoghi e con i differenti tipi di stress delle specie”, continua lo zoologo.

La ricerca sulle diverse barriere coralline

Gli studi e le osservazioni sul campo condotte negli ultimi anni affermano che lo sbiancamento dei coralli avviene generalmente quando questi ultimi, se sottoposti a stress da temperature marine significativamente elevate, al di sopra della norma, espellono le loro alghe. Tuttavia, le valutazioni raccolte durante le ricerche del WCS - con dati presi da 226 siti che si estendono dall'Africa orientale alle FiJi - hanno accertato che i coralli stavano perdendo colore in maniera diversa da quella prevista dagli studi passati. Infatti, i coralli sbiancati presi in esame sono collocati in posizioni molto variabili, come variabile è la temperatura dell'acqua nella quale si trovano.

Per determinare quali altri elementi influenzino lo sbiancamento dei coralli, gli scienziati hanno testato gli effetti di altri fattori come la profondità, l’ecosistema di appartenenza, la composizione della “comunità corallina” e i differenti tipi di gestione utilizzati. In termini geografici, i ricercatori hanno scoperto che la perdita del colore dei coralli dipende molto dal loro habitat naturale. In particolare, si è osservato che le barriere coralline dell’Africa Orientale risultano essere più stressate rispetto a quelle dell’Indonesia e delle Fiji a dimostrazione che è lo stress generato dai territori circostanti piuttosto che l'acqua calda a influenzare maggiormente lo sbiancamento dei coralli.

di Micheal Dones

Source: Adobe Stock

18 Ottobre 2019