You are here

L'Europa si impegna per tutelare clima e biodiversità

La Commissione Europea e la Banca Europea degli Investimenti hanno lanciato due nuovi strumenti finanziari per sostenere le sfide future in fatto di energia, clima e acqua...

Due iniziative della Commissione Europea e la Banca Europea degli Investimenti

MILANO – Sostenere gli investimenti volti ad affrontare le sfide future in tema di clima, energia e biodiversità attraverso due strumenti finanziari che indirizzino i soldi laddove sono necessari per raggiungere tali obiettivi. Commissione Europea e Banca Europea degli Investimenti (BEI) lanciano due iniziative per incoraggiare le banche locali,  in alcuni  Paesi ad aumentare i prestiti per progetti di efficienza energetica a lungo termine e a basso costo, ripartendo il rischio tra Commissione e intermediari finanziari.

L’IMPEGNO– I nuovi progetti si chiamano Private Finance for Energy Efficiency (PF4EE)e Natural Capital Financing Facility (NCFF). Sono stati presentati ufficialmente nei giorni scorsi a Bruxelles da Jonathan Taylor, vicepresidente responsabile per l’azione su clima ed energia di BEI, e Karmenu Vella, commissario europeo per l'Ambiente, Affari marittimi e Pesca. “Il coinvolgimento più ampio del settore privato in finanziamenti per il clima è fondamentale per affrontare una sfida di tale portata – ha spiegato Taylor – Accogliamo con favore l’opportunità di contribuire sia con competenze tecniche che con sostegno finanziario per aumentare gli investimenti in efficienza energetica”.

GLI INVESTIMENTI– Il Natural Capital Financing Facilityprevede finanziamenti di 100-125 milioni di euro tra il 2015 e il 2017, di cui 60 dal programma europeo Life Plus. Il Private Finance for Energy Efficiency erogherà invece 500 milioni di euro di prestiti con circa 80 milioni da Life Plus a garanzia del rischio di credito. Infrastrutture green e progetti che studiano l’adattamento climatico saranno tra i maggiori beneficiari del NCFF. Questa iniziativa punta a valorizzare gli investimenti sulla protezione dalle inondazioni, il riciclo dell’acqua, riduzione dell’inquinamento delle acque e del suolo, tutela delle biodiversità.

aggiornato il 4 marzo 2015