L’informazione aumenta la capacità di riciclo dei cittadini

L’informazione aumenta la capacità di riciclo dei cittadini

Esplicativo il caso di Minneapolis, dove ben il 10 % degli abitanti ricicla prodotti non riciclabili

MILANO – Il pensiero è quello che conta. Quante volte abbiamo apprezzato un regalo semplice, ma simbolico che andava bene nel contesto in cui eravamo immersi? Ma non sempre il gesto può essere apprezzato, se alla fine non prende la direzione giusta.  Negli ultimi anni, nonostante si sia alzato il livello di informazione sui vantaggi del riciclo, molte persone hanno preso il “brutto vizio” di depositare materiali destinati alla pattumiera dei rifiuti secchi nei contenitori del riciclo. Un gesto preso alla leggera che ha creato non pochi problemi a Minneapolis.

Serve concretezza

Bottiglie di plastica, oggettistica, carta e cartone possono essere rilanciate sul mercato a seguito di un’accurata selezione: “Le persone hanno un reale desiderio di mettere sempre più rifiuti nel contenitore adibito al riciclo per sentirsi bene con la coscienza – ha detto Bill Keegan, presidente della Società Dem-Con - Vogliono avvicinarsi ai bidoni delle spazzature presenti sul marciapiede, con la consapevolezza di aver fatto del bene all’ambiente e sono orgogliosi di questo”. I dati preoccupanti rilevati nella città di Minneaopolis dicono che dal 2% al 10% dei cittadini considerano riciclabili  materiali che invece dovrebbero essere destinati alla raccolta indifferenziata.

Il Minnesota offre un programma

Lo stato del Minnesota ha proposto un programma dal nome “It’s in the Bag”, per la raccolta di sacchetti in plastica. Un’iniziativa che ha permesso di riciclare oltre 5 milioni di chili di borse plastificate nel giro di sei anni.“It’s in the Bag” si rivolge ai residenti e alle imprese. Sacchetti di plastica, sacchetti della spesa e materiale di confezionamento per  prodotti sono tutti i materiali che vengono prodotti ad uso esclusivo del consumatore. Questi elementi sono facilmente riciclabili e le aziende possono partecipare al progetto compilando un modulo di richiesta.

di Redazione