You are here

Completata la mappatura dell'acqua sulla luna

Completata la mappatura dell'acqua sulla luna

Ricercatori della Brown University hanno ricalibrato i dati raccolti dal Moon Mineralogy Mapper della Nasa completando la mappatura dell'acqua sulla luna

MILANO – Si può dire che tutto è partito nel 2009, quando fu scoperta sul suolo lunare acqua e una sua molecola collegata, l’idrossile, ovvero un composto da un atomo di idrogeno e di ossigeno.

E finalmente alcuni ricercatori della Brown University, guidati da Shuai Li, sono riusciti a ricalibrare i dati raccolti dal Moon Mineralogy Mapper della Nasa, che ha volato a bordo della sonda indiana Chandrayaan-1, per completare la mappatura dell’acqua presente sulla Luna.

L’acqua sulla Luna

«La ‘firma’ dell’acqua è presente quasi ovunque sulla superficie lunare, e non solo nelle regioni polari come riportato in un primo momento”» sottolinea Li. «Aumenta verso i poli e non ci sono differenze significative a seconda delle composizioni dei terreni», continua.

La concentrazione massima trovata, tra le 500 e 750 parti per milione, si ha alle latitudini più alte, e, pur essendo minore di quella delle sabbie dei deserti più secchi della Terra, «è comunque qualcosa. Adesso che sappiamo dove si trova l’acqua e in quali quantità, possiamo pensare a dove valga la pena estrarla», aggiunge Ralph Milliken, coautore dello studio.

Le origini

Dal modo in cui è distribuita l’acqua sulla Luna, è inoltre possibile avere indizi sulla sua fonte. E’ infatti abbastanza uniforme, con concentrazioni decrescenti man mano che si va verso l’equatore.

Uno schema plausibile con il vento solare, e il suo costante bombardamento di protoni che possono formare idrossile e molecole di acqua.

Ma anche se parte dell’acqua mappata può essere attribuita al vento solare, ci sono delle eccezioni, come le concentrazioni sopra la media presenti in alcuni depositi vulcanici vicino l’equatore lunare, dove l’acqua è generalmente scarsa.

In questo caso l’acqua potrebbe arrivare dal mantello della Luna, con le eruzioni giunte in superficie con il magma. Le concentrazioni di acqua inoltre cambiano nell’arco del giorno lunare. «Ciò ci dice che il processo di formazione dell’acqua sulla Luna è ancora attivo oggi», conclude Milliken.

di Alessandro Conte

19 febbraio 2018

credits: fotolia