“Acqua e Biodiversità” al Parco Nazionale Gran Paradiso

“Acqua e Biodiversità” al Parco Nazionale Gran Paradiso

Il centro permette di “immergersi” in un ambiente del Parco in cui tutto è legato all'acqua

MILANO – Da sabato 4 luglio ha riaperto al pubblico il Centro Visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso “Acqua e Biodiversità” di Rovenaud-Valsavarenche. Inaugurato lo scorso anno, il Centro, unico in tutto l’arco alpino, è un importante luogo dedicato alla ricerca scientifica e all’educazione ambientale sui temi di conservazione degli ecosistemi acquatici e sulla Lontra.

Centro legato all’acqua

Il centro, situato in un ecosistema ben conservato, ospita un suggestivo allestimento espositivo con percorsi di visita sia all'interno che all’esterno, arricchiti da installazioni, multimediali, video e acquari che permettono di effettuare una vera e propria “immersione” in un ambiente del Parco in cui tutto è legato all’acqua.

Lontra simbolo degli ecosistemi acquatici

Qui il Parco ha deciso di ospitare in semilibertà alcuni esemplari di Lontra, specie un tempo presente in questi ambienti e oggi scomparsa a causa delle persecuzioni e trasformazioni ambientali operate dall’uomo.

La lontra, all’apice della catena alimentare, rappresenta il simbolo delle problematiche di tutela degli ecosistemi acquatici. La visita al centro diventa così un momento di conoscenza, esperienza e riflessione sull’importanza della conservazione e del sottile equilibrio che si instaura tra uomo e ambiente.

Come prenotarsi

Le visite guidate sono possibili, su prenotazione, durante i fine settimana di luglio, agosto e settembre e, per luglio e agosto, anche il lunedì e venerdì. Gli orari delle visite, ciascuna per un massimo di 12 persone, sono: al mattino ore 9.30 e 10.30; al pomeriggio ore 15.00 e 16.30. E’ possibile prenotarsi online all’interno della pagina-evento dedicata.

Di Salvatore Galeone

Source: Adobe Stock

8 Luglio 2020