come salvare il matrimonio

Come salvare il matrimonio dalla pioggia

Un team di meteorologi fa “scoppiare” le nuvole con la tecnica del “cloud seeding”

MILANO – Chi l’ha detto che “matrimonio bagnato, matrimonio fortunato”? Se è vero che il giorno più bello della vita si spera sia la sintesi della perfezione, un team di meteorologi e scienziati della Weather Modification che collaborano con l’agenzia europea di organizzazione viaggi Oliver’s Travel ha proposto una novità interessante per chi sogna un matrimonio a ciel sereno.

Senza pioggia sull’altare

Gli specialisti del tempo hanno ideato un servizio che offre una specie di “scoppiamento” delle nuvole o, per dirla in inglese come forse suona meglio, “bursting the clouds”. Non si tratta di una provocazione o una bufala ma di un vero e proprio servizio commerciale che l’agenzia mette a disposizione come completamento organizzativo nel giorno del matrimonio. Seguendo le indicazioni degli esperti, un velivolo sorvolerà la location scelta per il fatidico sì qualche ora prima del matrimonio individuando le nuvole “portatrici” di pioggia. Attraverso un bombardamento con particelle di ioduro d’argento, il vapore acqueo viene disperso provocando una pioggia immediata che risparmierà sposi e ospiti. Costi? Solo 100 sterline.

I precedenti

Questa tecnica, a detta degli ideatori, è stata già utilizzata in occasione dei Giochi Olimpici di Pechino nel 2008 e per il matrimonio di Duca e Duchessa di Cambridge nel 2012. Per fine più scientifici, l’utilizzo di un drone per favorire la pioggia è stato anche adottato in alcune zone compite da siccità. Alcuni ricercatori del Nevada Desert Research Institute, infatti, se ne sono recentemente serviti appurando un incremento del 10% delle precipitazioni.