Spopola sul web la community dei “foodie” mondiali_tag alt

Spopola sul web la community dei “foodie” mondiali

La tavola interattiva più grande del mondo con chef e appassionati creata da S.Pellegrino

MILANO – Un posto a tavola non si rifiuta mai, soprattutto se offre la possibilità di “accomodarsi” tra foodie dei quattro angoli del pianeta e top chef internazionali. E allora non potete non prendere posto alla tavolata infinita di Are You a Real Foodie?, la prima community online creata da S.Pellegrino per i foodie di tutto il mondo. Per entrare nella community di Are You a Real Foodie? non dovrete far altro che creare il vostro profilo personale e caricare la foto di un piatto che avete cucinato o che state gustando: verrà visualizzato in una vera e propria tavolata che corre lungo tutto il mondo e vi regalerà un’esperienza di navigazione unica.

Come funziona Real Foodie

Registrandosi su www.sanpellegrino.com, i foodie hanno l’opportunità di prendere parte a questa community, descrivendo i propri piatti d’autore, caricando le immagini e condividendo le loro ricette con tutti coloro che sono seduti alla tavola virtuale. Ogni nuovo ospite che prende posto farà crescere sempre di più la lunghezza della tavolata, fino ad arrivare a decine di migliaia di commensali, cioè una ‘tavola infinita’. Gli utenti più attivi avranno l’opportunità di accedere a contenuti speciali ed esclusivi riguardanti gli chef, come per esempio suggerimenti su come gustare al meglio il cibo, piuttosto che ricette, confessioni speciali e molto altro.

L’adesione degli chef

Gli chef più rinomati di tutto il mondo si stanno unendo alla community: tra questi Sven Elverfeld (3 stelle Michelin), Enrico e Roberto Cerea (3 stelle Michelin), Daniel Humm (3 stelle Michelin), Annie Féolde (prima donna chef con tre stelle Michelin in Italia), Diego Muñoz (numero 1 in America Latina dei World’s 50 Best Restaurants) e Mauro Colagreco (2 stelle Michelin). ‘Are You A Real Foodie?’ è sviluppato in quattro lingue (inglese, francese, italiano, tedesco).

di Alessandro Michielli

READ MORE