You are here

Bere acqua per aumentare la velocità del cervello

Bere acqua per aumentare la velocità del cervello

Lo studio dei ricercatori dell'Università di East London dimostra che bere un bicchiere d'acqua aumenta i tempi di reazione del cervello del 14%

MILANO – Gli effetti benefici di una corretta idratazione sulle performance cognitive del cervello sono già stati appurati. Tuttavia un’altra ricerca ha spiegato quanto il cervello accelera le sue prestazioni in seguito alla semplice bevuta di un bicchiere d’acqua. Lo studio è stato fatto da alcuni ricercatori dell’Università di East London.

La scoperta

Secondo gli studiosi dell’Università di East London,  le persone che bevono mezzo litro di acqua prima di condurre compiti mentali hanno tempi di reazione del 14% più veloci rispetto a coloro che non bevono. Hanno effettuato un esperimento su 34 uomini e donne che hanno completato due volte una serie di test mentali, una volta dopo una colazione a base di una sola barretta di cereali e la seconda dopo aver consumato una barretta di cereali e una bottiglia d’acqua. E’ stato verificato che coloro che hanno detto di non essere assetati si sono dimostrati più veloci nei test del tempo di reazione cui sono stati sottoposti. La spiegazione scientifica cui è giunto il team di ricerca è che l’acqua ha aiutato il cervello a “liberare” le parti che si occupano di inviare al corpo le informazioni sulla necessità di bere, aumentando così la capacità di rispondere ad altri impulsi.

Il tempo di reazione dipende dall’acqua

La dottoressa Caroline Edmonds, docente nella Scuola di Psicologia che ha condotto lo studio, ha dichiarato: "Il tempo di reazione è sembrato dipendere soprattutto dall’acqua, in particolare se le persone erano assetate. Potrebbe essere perché quando si ha sete, si distoglie l'attenzione dal compito a portata di mano. Ciò sarebbe importante per le persone in situazioni in cui la concentrazione è fondamentale. Ci sono anche teorie ormonali su come la disidratazione colpisce il cervello ed è possibile che l'acqua possa riparare uno squilibrio anche lì. Circa l'80 per cento del cervello è fatto di acqua, quindi è chiaramente importante assicurarsi che ne ottenga la giusta quantità".

di Alessandro Conte

14 febbraio 2016

credits: Fotolia