You are here

La Spugna in Carbonio che Pulisce l’Acqua, la Nuova Tecnologia a Singapore – In a Bottle

Una nuova tecnologia per risolvere la mancanza di acqua a Singapore

Grazie a questo nuovo sistema la città potrà affrontare i problemi che stanno emergendo in merito alla scarsità di acqua

MILANO - Singapore consuma circa 430 milioni di galloni di acqua al giorno, numero che è previsto raddoppiare nei prossimi 40 anni. “Singapore è diventata un centro globale dell’acqua” dice Shane Snyder, Executive Director del Nanyang Environment & Water Research Institute alla Nanyang Technological University di Singapore “E con il cambiamento climatico, l’acqua sta diventando sempre meno affidabile”.

Il problema della carenza di acqua a Singapore

La città-stato situata a sud della Malesia conta più di 5 milioni di abitanti ed è piena di fontane e riserve idriche – compresa la più alta cascata indoor al mondo – ma, dal momento che non ha fonti idriche naturali, fa affidamento su acqua riciclata e importa più del 40% delle risorse idriche dai Paesi vicini. “L’acqua che importiamo è affidabile, ma a causa dei cambiamenti climatici, potrebbe mutare rapidamente, quindi dobbiamo essere preparati e pensare a delle valide soluzioni in anticipo” afferma Snyder e aggiunge “c’è una grande spinta per diventare indipendenti  e ciò dipenderà moltissimo dalle tecnologie che stiamo sviluppando”.

Le tecnologie per prepararsi al futuro  per riciclare l’acqua

La startup EcoWorth Technology di Singapore sta sviluppando una piccola spugna nera chiamata aerogel in fibra di carbonio che può pulire le acque di scarico su larga scala. La spugna assorbe 190 volte il suo peso di sporcizia, contaminanti e microplastiche. Il CEO Andre Stoltz afferma “Crediamo che il suo impatto possa essere molto grande, dal momento che la nuova tecnologia permetterà all’azienda di trasformare i prodotti di scarto in qualcosa di utile.” Un’altra azienda, la WateRoam, fondata nel 2014, ha sviluppato uno strumento di filtrazione leggero e portatile che ha già fornito acqua potabile pulita a più di 75.000 persone nel sud-est asiatico. Il CEO afferma inoltre che uno degli aspetti più innovativi del prodotto è la sua semplicità, “Vogliamo che le persone inesperte – che non sono specialisti o ingegneri – siano in grado di prendere questo prodotto e capire intuitivamente come si usa.”

di Salvatore Galeone

Source: Adobe Stock

9 Ottobre 2019