You are here

The Shapes of Water, la mostra sull’acqua itinerante – In a Bottle

The Shapes of Water, la mostra sull’acqua itinerante

Progetti sociali e opere sulle modalità di uso dell’acqua vengono mostrati con la mostra itinerante della Triennale di Milano The Shapes of Water

DOHA (QATAR) – Progetti sociali e opere di design legate alle molteplici modalità d’uso dell’acqua in mostra negli Emeriti Arabi fino al prossimo 3 novembre. “The Shapes of Water” è in realtà una mostra itinerante che sottolinea il ruolo significativo dell'acqua come fattore unificante tra le culture. Secondo quanto racconta il quotidiano The Peninsula, è stata realizzata grazie a una partnership  tra l’Ambasciata d’Italia a Doha e la Triennale di Milano.

La mostra

L’exibition ruota intorno all’acqua, intesa quale motivo di unione tra i popoli, e non come accade piuttosto frequentemente, quale fonte di tensioni geopolitiche.

La mostra si compone di due sezioni: nella prima vengono proposti oggetti realizzati da designer internazionali che rimandano a diversi usi dell’acqua, legati in particolare alle attività del coltivare, condensare, depurare, dissetare, filtrare, lavare, raccogliere, trasportare e conservare. Sono ospitati inoltre anche progetti capaci di proporre soluzioni innovative al tema della scarsità dell’acqua.

La seconda sezione è dedicata invece al “dissetare” con oggetti ideati per esprimere tale funzione primaria, attraverso alcune reinterpretazioni della forma archetipica della giara, realizzate sulla base di particolari lavorazioni e impiegando tecniche e materiali tradizionali legati alle diverse provenienze geografiche dei designer.

Un messaggio di inclusione

Gli oggetti in mostra sono diversi come i paesi che i loro designer rappresentano, tra cui Italia, Francia, Spagna, Croazia, Grecia, Qatar, Turchia, Tunisia, Libano, Giordania, Bahrain e Arabia Saudita.

Gli organizzatori hanno spiegato che “da Doha stiamo inviando un messaggio molto potente di inclusione culturale e apertura alla diversità. Il Qatar non chiude le porte allo scambio culturale, al dialogo, alla cooperazione. La cultura ha lo scopo di esprimere il lato migliore degli esseri umani ed è un mezzo potente per superare le divisioni”.

di Alessandro Conte

20 ottobre 2018

source: thepeninsulaqatar.com